Trova le differenze.

Buongiorno e buon inizio settimana a tutti quanti!

Oggi voglio portarvi un po’ qui con me per farvi scoprire e conoscere ciò che c’è di diverso qui, in Australia.

Premetto che la città in cui sono è davvero una minuscola parte della grande isola oceanica, quindi, forse è meglio intenderle come differenze tra Milano/Lecco e Perth.

Facciamo così?

Siete d’accordo?

Tenete presente che Perth si estende su una superficie di 6000 km² e conta una popolazione di circa due milioni di abitanti. Per capire la differenza tra la densità di una città australiana e una europea, potrei prendere l’esempio di Roma la quale ha una popolazione di due milioni e mezzo di abitanti ma una superficie di 1250 km².

Pazzesco vero? Roma ha 500 mila abitanti in più di Perth ma una superficie sei volte inferiore.

Densità della popolazione a Perth: 314 abitanti per km²

Densità della popolazione a Roma: 2200 abitanti per km²

Ecco perché il traffico non esiste! C’è spazio per tutti!

Per quanto riguarda la lingua parlata in loco, posso dirvi che l’australiano è molto più comprensibile di quanto mi aspettassi. Sarà che sono abbastanza sveglia e veloce nell’apprendimento ( 🙂 ), ma se mi concentro e cerco di estrapolare le parole fondamentali alla comprensione, ci arrivo. Qui non ho ancora avuto il piacere di fare amicizia con australiani ma come ben sapete ho incontrato sulla mia via inglesi, irlandesi e cinesi.

YESS.

Quindi mi trovo a dover dialogare con australiani solo nei negozi, in banca, nei supermercati e AL LAVORO! Sicuramente ora sperimenterò ogni giorno l’english australiano e poi saprò dirvi meglio.

Posso dirvi già ora che come lingua è molto contratta, abbreviata e molti vocaboli vengono storpiati ma…pensavo peggio onestamente.

Vogliamo parlare ora delle strade? Ok, è tutto al contrario.

Ricordo il giorno in cui sono arrivata qui. Jason è venuto a prendermi all’aeroporto e tra il jet-lag e i sensi di marcia ribaltati, avevo la nausea. Una delle mie prime frasi è stata proprio: “Oh santo cielo, io, qui, non guiderò mai!”

La cosa a cui bisogna fare attenzione è l’attraversamento pedonale. Io per togliermi ogni dubbio guardo a destra e a sinistra perché amici, guardi dalla parte sbagliata e sei stirato.

Basta un errore. Solo uno.

Ora, dopo più di due settimane, quando giro in macchina sono meno stranita. Ogni tanto cerco di immedesimarmi alla guida e provo a pensare cosa farei se fossi al posto dell’autista. Beh certo, anche il posto del guidatore è dall’altra parte.

Tutto è speculare!

Passiamo ai pagamenti. Qui tutti pagano con la carta che il più delle volte è un PayPass. Basta appoggiare la carta sul Pos e in 10 secondi il pagamento è andato a buon fine. Ovunque puoi pagare in questo modo, in qualsiasi negozio e per qualsiasi cifra.

Una cosa buffa è che, dopo aver pagato, il negoziante ti chiede:

“Do you want a copy?”

Tradotto:

“Ne vuoi una copia (dello scontrino)?”

Esatto, ti chiedono se vuoi la ricevuta. La cosa assurda, però, è che qui nessuno la vuole la copia. Il 90% delle volte la risposta è “No, thanks.”

Al contrario dell’Italia dove molto spesso devi chiederla tu.

DELLA SERIE:

Com’è strana la vita, com’è strano il mondo.

Ho visto pochissimi anziani e altrettanti bambini. Le stagioni sono al contrario, i dollari australiani sono plastificati e sembrano soldi finti del monopoli. Un euro vale un dollaro e 47 centesimi, le monete hanno grandezze strane e mi ci devo ancora abituare. La moneta da due dollari è più piccola di quella da un dollaro e la moneta da cinquanta centesimi è più grande di queste due messe assieme.

MA VERAMENTE?

Sì, veramente.

Per pagare i parcheggi ci sono le macchinette identiche a quelle che ci sono in Italia e i taxi sono bianchi. Qui ci sono tre linee di bus gratuite le quali fanno dei giri molto circoscritti alle zone centrali della città, ma… dici poco!

In Italia un servizio di trasporti così ce lo possiamo scordare.

Yellow Cat Line

Blue Cat Line

Red Cat Line

GRATIS!

Il costo della vita è abbastanza caro ma l’importante è non strafare. Se sei un fumatore incallito qui sei fregato perché un pacchetto di sigarette costa 23 dollari circa quindi prima di venire fatti due conti perché, o smetti di fumare, o un giorno ti troverai a dover decidere se comprare le sigarette o se pagare l’affitto.

🙂

Al supermarket frutta e verdura di ogni genere, pane bianco, nero e marrone! Cetrioli enormi e molte tipologie di insalata. Una bottiglia di acqua da un litro costa anche più di tre dollari (più di due euro) però la cosa buona è che quando vai a mangiare in molti locali puoi portarti la tua acqua altrimenti, molto spesso, l’acqua servita con brocche è gratuita. Soprattutto per colazione, brunch e lunch.

Qui il cielo è più grande tanto che viene chiamato BIG SKY. È raro vedere nuvole nel cielo e se anche ci dovessero essere, sono leggere e non fitte (vedi foto) poi sono talmente alte che non le noti nemmeno. Il cielo in Italia è basso e piccolo, c’è meno ossigeno ed è meno azzurro. Qui non potrai mai avere quella sensazione di soffocamento che viene in Lombardia quando la nebbia è fitta o i nuvoloni bassi bassi quasi pronti a schiacciarti.

Da questa parte ovest dell’Australia abbiamo il tramonto, sull’altra costa est possono vedere il sole che nasce dal mare noi possiamo assistere alla sua caduta. In Italia si può vedere tutto, nessuno ha l’esclusiva di niente. Ovunque sei, vedi il sole che nasce e che va a dormire (quasi ovunque).

In tutta questa grandezza però bisogna saperci stare, bisogna saperla accettare ed apprezzare. Non tutti siamo fatti per vivere in un grande mondo al contrario ma nemmeno in un piccolo paese dove a volte senti il cielo cadere.

Tutti siamo qui per vivere, per vivere bene. Siamo qui per sognare, per sognare in grande.

Ma prima di tutto per valorizzare e proteggere quello che di più piccolo e prezioso abbiamo.

Erica, anzi Atmosferica.


Ps: quello in foto è il palazzo in cui abito.

🙂

Tramonti niente male…

Ecco a voi un tipico tramonto australiano from the top.

Ebbene sì, questa è la vista di cui possiamo godere noi 3 amici. Ogni sera, ad una certa ora, inizia il film. L’unica cosa che puoi fare è prendere una sedia, posizionarla sul terrazzo e accomodarti.

I colori scorrono veloci, si inseguono e si confondono rendendo ogni attimo diverso, incantevole.

Serve giusto una canzone Atmosferica di sottofondo, nient’altro.

Lewis in questo è bravo.  Fortunatamente e stranamente abbiamo gli stessi gusti musicali e questo incanto di cielo si sposava bene con la canzone da lui scelta, Hello di Adele.

Se volete chiudere gli occhi immaginandovi un tramonto, il più bello che abbiate mai visto..cliccate pure QUI e lasciatevi andare. È un modo anche per sentirvi vicini a me e per immedesimarvi un po’ in quel che vivo.

(Mamma, ascoltala! 🙂 )

Abitando in alto, abbiamo la fortuna di poter godere di questo spettacolo ogni giorno. Quasi quasi aspetto con impazienza questo momento che mi da ancora più calma di quella che la città già mi trasmette. È come se fosse un regalino di fine giornata, un premio per aver amato la vita anche oggi.

E allora, Erica… lasciati cullare e coccolare da questa quiete e non viverla male. Forse hai vissuto sempre con troppa frenesia e non ti sei mai fermata a pensare realmente. Questo posto ti sta facendo bene Erica Bella, impara ad apprezzare la distensione, i tramonti e i silenzi.

Mi hanno colpito molto le parole di mia sorella Elena ieri sera e ve le riporto con piacere:

” …Comunque, a proposito del fatto che vorresti spostarti, secondo me devi vivere la tranquillità a cui non sei abituata. Se sei lì vuol dire che ti serve un po’ di calma e poi si vedrà. Per ora non prenderla come una cosa che ti sta stretta ma come un momento per meditare. Ohmmmmmmm..”

Sì, ha scritto anche Ohmmmmmmm..

Capito la sorellina di sedici anni? La donna è in gamba.


IMG_2506

Quanto sono belle?

Sono due fiori sempre in primavera. Sbocciano ogni minuto, ogni secondo. Ogni volta che le guardo vedo qualcosa di diverso, una gestualità nuova o un’espressione adulta.

Sono partita con la consapevolezza che perderò un periodo importante nella loro crescita, nella loro vita. Più o meno lungo, ma lo perderò.

So quanto l’adolescenza sia complessa, delicata, è una metamorfosi continua e un susseguirsi di forti emozioni difficilmente gestibili. Se penso ai miei 15-16 anni, mi passano davanti agli occhi immagini indimenticabili, i primi amori, le prime uscite, le prime delusioni e qualche bravata con le amiche.

Ci sarebbe da aprire un altro blog chiamato “Adolescenza di Erica”

oppure..

“Atmosferica Adolescenza”

Come preferite 🙂

Ma torniamo a loro! Elena e Eliana, 16 e 15 anni, un 1999 e un 2000, un’ariete e uno scorpione, un marzo e un ottobre, una danza e un canto, un’ energia inesauribile e una dolce calma.

Due talenti, due anime buone dagli occhioni luminosi, due donnine responsabili con le idee molto chiare su cosa è giusto e su cosa non lo è, su cos’è la buona educazione e il senso del dovere.

Scriverei papiri, l’amore che provo per loro è indescrivibile.

Sono cosciente del fatto che quando tornerò le troverò cresciute e cambiate..ma fa parte della vita, del flusso delle cose. Cercherò da qui di estrapolare, di farmi raccontare, di partecipare anche da lontano, di consigliare e di essere comunque un sostegno confidando nell’aiuto di mamma, papà ed Elisa, la mia sorellona più grande.

Sì, perché scrivo soprattutto per loro.

Erica, anzi Atmosferica.


Ps: Per quanto riguarda il lavoro qualcosa si sta muovendo. Mi dispiace ma per scaramanzia non dico niente. Pensatemi intensamente e trattenete ogni curiosità! Già domani potrò dirvi di più.

Ma Santa Claus arriverà fino a qui?

La domanda mi sorge spontanea.

Non solo per la storia della lontananza..perchè è risaputo che Babbo Natale riesca a fare il giro del mondo in una notte.

Ma..

Più che altro il mio cervello non riesce a metabolizzare i binomi:

NATALE – ESTATE

ESTATE – NATALE

CHRISTMAS – SUMMER

FREDDO – ITALIA

NEVE – ITALIA

CALDO – AUSTRALIA

NO NEVE – AUSTRALIA

SANTO – CIELO

MI – CAPITE ?

Nella mia testa conflitti interminabili non vogliono accettare che tra un mese sarà Natale e qui si schiatterà dal caldo. Da mente europea associo ovviamente il Christmas Day a una giornata polare, con magari fuori la neve, sugli alberi spogli luccicanti ghirlande, fuori dalle case le decorazioni e per le strade luminarie esagerate.

Qui rami spogli non se ne vedono. Di alberi addobbati sì, ma mi danno idea di tutto tranne che del Natale. Oggi guardando il gigantesco abete che vedete in foto, mi sono resa conto che il mio primo pensiero è stato:

“Wow! È altissimo! Devono aver usato una gru per metterci in cima quella stella argento!”

Pensate un po’ voi la mia testa dove va a finire a volte 🙂

Insomma, non associo gli addobbi al Natale ma alla fatica che eventualmente qualcuno potrebbe aver fatto per posizionarli correttamente. Magari si tratta di un primo periodo di transizione in cui non sono ne qui, ne lì.. Oppure non mi entrerà mai in testa l’idea e il 25 Dicembre, indosserò un cappellino rosso e bianco, costumino, shorts e canottiera, fingendo che sia un giorno tipo Carnevale in cui il dress code è obbligatorio e festeggiare in compagnia pure.

🙂

Sarà divertente!


La giornata di ieri è andata decisamente meglio. Mi sono presa la mattinata e il primo pomeriggio per me e ho ricaricato le pile.

SVEGLIA ORE 9:00

COLAZIONE

MEDITAZIONE

SCRITTURA

PALESTRA

PISCINA

DOCCIA

…..RIGENERATA…..

Sono uscita, sono andata al negozio “Print” sotto casa e al costo di ben 10 AUD ho stampato una ventina di CV. Ho rivisitato e rivisto il mio documento di presentazione. Ora, per sembrare più colorata, grintosa ed energica, ho colorato il mio nome di ARANCIONE, ogni volta che compare la parola WAITRESS o BARTENDER, compare anche una bella sottolineatura in grassetto e di nuovo il colore ARANCIONE. Ho aggiunto anche la mia foto e via!

Sono entrata in due posti. Amphoras, vicinissimo a casa, dove ho parlato con Roberta, una ragazza italiana. Nei suoi occhi ho visto buoni messaggi. L’altro locale è Wine Fox, anche quello qui dietro, molto giovanile e molto più grande.

Domani andrò al di là del fiume, dove Jason mi ha suggerito di provare. Sento che domani sarò ancora più carica di oggi. C’mon Erica. Non mollare!

Adesso che hai il Curriculum bello colorato, fatti valere!

Oggi mi sentivo talmente ‘Nuova’ che mi sono ritrovata in viuzze mai viste! Ad esempio London Court è da ricordare. Vi faccio pure vedere gli addobbi natalizi giusto per rimanere in tema 🙂

IMG_2652

IMG_2656

IMG_2657

Mi sono sentita per un attimo a Londra. Anche dalla foto penso si possa percepire l’Atmosferica londinese 🙂 . L’unico dettaglio è che siamo dall’altra parte del pianeta.

Ci sono 35 gradi.

AHAHAHA!

È proprio vero che quando si è ben disposti, arrivano le sorprese! Ci tornerò a fare un giretto, magari proprio il giorno di Natale.

♥ Christmas in London ♥

Ciao e grazie a tutti. L’audience sta sfiorando le stelle!

Erica, anzi Atmosferica.

Una Cottesloe Introspettiva.

Dopo una notte di sonno poco tranquillo e profondo, mi sono alzata e sono uscita sul balcone. Il vento era tiepido, all’ombra faceva quasi fresco ma poi ho pensato che soprattutto qui, dove abito io, le correnti di vento sono più forti e non devo dimenticare che stiamo al tredicesimo piano. Quassù siamo allo scoperto e quasi quasi tocchiamo il cielo.

I miei pensieri mi hanno suggerito così di fare una bella colazione con thè verde e pane tostato con marmellata di fragole. Ho cercato una posizione comoda che favorisse la mia scrittura e ho dedicato l’articolo all’ Immigrata allo Sbaraglio, cosa che desideravo fare da qualche giorno mentre ricercavo l’ispirazione giusta.


QUI potete vedere il bel pensiero che mi ha dedicato!

Ha condiviso sulla sua pagina Facebook il mio articolo.

CHE GIOIA! 🙂


Soddisfatta del mio articolo, cavalcando l’onda dei miei pensieri, ho deciso di regalarmi una giornata di riflessione. Avrei preso il treno per Cottesloe e avrei deciso minuto per minuto cosa fare e dove cercare i miei momenti e angoli di pace.

Sono qui da qualche giorno ormai e non vi nascondo che la mia testa e il mio cuore sono un’altalena di emozioni. Alti e bassi si susseguono senza lasciare spazio ad un momento di spensieratezza. Ho la fortuna di conoscermi bene e riesco a gestire ogni stato d’animo, il trucco è non ostacolarlo. Ho imparato con il tempo che bisogna saper vivere a pieno ogni bella e brutta sensazione per conoscersi, per riuscire a capirsi.

Bene.

Treno per Cottesloe.

Direzione Freemantle – Blu line – Biglietto 4.50 AUD

Let’s go.

Durante il viaggio, durato circa 15 minuti, ho cercato di capire dove la mia testolina volesse portarmi. Senza farmi troppe domande, ho aspettato di scendere dal treno.

C’era un cartello che diceva:

←←  CITY CENTRE

COTTESLOE BEACH →→

Ok, Erica. Dove vuoi andare?

Vuoi vedere il mare?

Sì.

Ok, allora vai a destra. Semplice.

Per arrivare alla spiaggia ho camminato una decina di minuti. È stata davvero la scelta giusta. Qui di seguito vi faccio rivivere con qualche foto, in ordine cronologico, la mia passeggiata verso il mare.

Davanti a me una lunga strada dritta, leggermente in salita.

IMG_2544

IMG_2546

IMG_2548

IMG_2551

Un tipico quartiere da film. No?

Continuo… nel cammino…

IMG_2549

IMG_2555alta

Alla mia destra le case, alla mia sinistra questo immenso campo da golf.

(Il mio papà si starà leccando i baffi)

IMG_2552

IMG_2556

Eccolo! Lo VEDO! L’oceano!

IMG_2558-(1)

IMG_2560

IMG_2564

IMG_2565

IMG_2567-(1)

 

Trovato.

Il mio angolo di pace sui gradoni in erba che erano proprio lì, a ridosso della spiaggia di sabbia fina. Mi sono sdraiata e ho cercato di ascoltare i pensieri. Tante le domande ma anche tante risposte.

La risposta è sempre dentro noi, bisogna solo saperla ascoltare.

Devo prendermi del tempo per capire se davvero è qui che voglio stare. Come vi avevo già detto la città è calma e pacata e potrebbe rischiare di diventare troppo malinconica per me.

Sono una persona dall’energia scoppiettante, sempre attiva e sorridente nei confronti della vita. Forse Perth non mi sta dando quello che cerco perché non sono abbastanza in connessione con lei. Sto cercando di capire se voglio stare sul mare o se preferisco la città. Se andare altrove o se puntare tutte le mie forze qui. Se fare un’esperienza più a contatto con la natura piuttosto che stare in una città che non sento, ad oggi, mia.

Sono in Australia. Mi sento in Australia non a Perth.

Non preoccupatevi però. Saprò cavarmela! Saprò capirmi e non appena avrò la soluzione a tutte le mie incognite, sarete i primi a saperla.

Siete tantissimi a seguirmi e a leggermi, mi lasciate a bocca aperta! Ogni giorno mi date una piccola spinta per rendere la mia giornata unica e per gustare ogni piccolezza della quotidianità.

Sento di essere in un momento di profondo cambiamento o forse sto solo cercando di acquisire consapevolezza di quello che sono. Ma è tutto sotto controllo amici, il sole splende, la temperatura è gradevole e i miei compagni di casa sono molto simpatici.

Lewis soprattutto mi fa morire dalle risate! Come si muove combina dei pasticci! Ieri sera ha vuotato mezzo barattolo di yogurt da un litro nel frigorifero!

Lewiiiiisssss!! AHAHAHAHAH! Sei un disastro!

Le risate con lui sono davvero SUPER!


Vi saluto con le parole di Deepak Chopra, e mando un grande bacio a Francesca.

Per mantenere oggi in movimento l’onda fluida della felicità, trova il tempo di apprezzare la bellezza nell’esperienza della realtà ordinaria. Una brezza tiepida, il gusto del tè, il suono dei bambini che giocano. Ogni cosa può diventare un’occasione per prendere nota che la felicità è uno stato interiore di consapevolezza.

Più metterai in contatto il dentro con il fuori, semplicemente notandolo, più starai rinforzando e amplificando il sapere che piacere e felicità sono sempre con te. Con il passare del tempo ti accorgerai che facendo slittare l’attenzione dal mondo là fuori al mondo qui dentro, concedi a te stesso l’abilità di entrare nello stato della contentezza e della felicità ogni volta che vuoi.
Namastè
Deepak Chopra
Buona giornata di riflessione e felicità!
Erica, anzi Atmosferica.

“La Storia di un’Immigrata allo Sbaraglio”

Voglio scrivere di lei e del suo libro.

Francesca Cabaletti, una blogger, scrittrice e web editor, con la sua scrittura è stata in grado di far emergere i sogni e le fantasie più nascoste dentro me. Quelli che volevo sopprimere, nascondere o evitare cercando di imporre alla mia esistenza una vita ordinaria fatta di sicurezze, vicino alle persone vicine e senza molti rischi.

È stato proprio quando ho iniziato a inserire nei motori di ricerca le parole come Australia – Perth – Working Holiday Visa …Che ho iniziato a capire dove la mia anima mi stesse portando. Da dove il mondo mi stesse chiamando e ascoltavo, ascoltavo, ascoltavo i messaggi che ogni giorno percepivo.

Ci sono delle volte in cui, ogni cosa riporta a un pensiero ricorrente. Oppure, tanti segnali fanno ripensare a qualcosa che si vuole a tutti i costi ignorare. Pensavo all’Australia e incontravo persone appena tornate da questa terra, alcune che stavano per partire, vedevo alla televisione pubblicità che ne parlavano e nei miei viaggi sul web, ho incontrato lei.. l’Immigrata allo Sbaraglio.

Durante una delle prime ricerche, spinta dalla voglia di saziare la mia fame di informazioni, sono incappata nel blog di questa semplice ragazza acqua e sapone. Successivamente, dopo essermi addentrata nei suoi articoli più o meno recenti, ho letto due dei suoi libri “La Storia di un’Immigrata allo Sbaraglio” e “Working Holiday Visa Australia – Manuale di Sopravvivenza”.

Entrambi mi hanno aiutata e sfamata. Con il primo ho lavorato sul lato emotivo della decisione che stavo per prendere mentre, il secondo, è stato utilissimo per il lato pratico e materiale della partenza.

È stata per me una musa ispiratrice, colei che ha risposto alle mie prime domande più banali e superficiali e poi anche a quelle più sostanziose, profonde e tecniche. Mi ha fatto vedere l’alba australiana in 16 secondi e mi ha permesso di farle compagnia in alcune delle sue riflessioni notturne. Mi ha regalato tanta energia positiva, ha fatto crescere in me motivazione e voglia di crederci. Attraverso i suoi canali puoi reperire e trovare informazioni di qualsiasi genere tanto che appena sorgeva una domanda, non esitavo a consultare il suo blog o il suo sito vivereinaustralia.com

Come scrive nella sezione ‘ABOUT’ del suo blog… “Per una serie di strane macchinazioni cosmiche, il 15 Novembre 2010 è salita su un aereo con un biglietto di sola andata per Sydney, Australia. Non era sola, accanto a lei c’era il suo neo marito e folle compagno di avventura, Mr Big. Entrambi con un Working Holiday Visa, entrambi assolutamente non preparati né informati, entrambi con una grande voglia di ricominciare da zero e costruire una nuova vita.”

Nel suo libro autobiografico e digitale, Francesca si racconta in maniera profonda. Arriva a toccare tasti delicati dandoti la possibilità di sentirti sempre più vicina a lei nella sua sfera privata e regalando a te, lettore, il ruolo di psicoanalista.

🙂

Io mi ci sono sempre sentita un po’ psicoanalista e le mie amiche lo possono confermare.

Scrive in modo scorrevole rendendo le sue storie coinvolgenti e invogliandoti a leggere e leggere ancora. In alcune sue esperienze emozionali mi ci sono rispecchiata e ritrovata e ho avuto modo di avere interpretazioni diverse di realtà vissute sia da me in prima persona che da lei e dal suo compagno Mr Big. Il suo modo di ragionare pazzerello ma molto preciso mi piace e la semplicità con cui parla di sé la rende genuina, spiritosa al momento giusto ma sempre in grado di spiegare con parole semplici qualcosa di così complesso come sono le emozioni e gli stati d’animo.

Quando si decide di partire, ognuno ha le proprie motivazioni insite dentro sé e sicuramente, non troverà motivazioni analoghe che derivino dallo stesso vissuto…in qualcun altro. Ognuno deve essere in grado di capire cosa la propria anima stia chiedendo e…

seguirla.

Andare dove vuole portarti non è difficile…basta solo volerlo con tante forze e seguire il flusso delle cose. La cosa più complessa, invece, è scavare dentro se stessi senza lasciarsi intimorire dalla paura di fronteggiare qualche mostriciattolo pronto all’agguato.

Attraverso il suo vissuto, raccontato con estrema semplicità, ho piano piano scavato dentro al mio cuore e analizzato le mie esperienze.

Sono arrivata così ad una decisione.

Sì.

Non ho condiviso tutto con un compagno e non mi sento un Immigrata allo Sbaraglio come lei e Mr Big, al momento. Mi sento, però, alla ricerca di novità, sono curiosa di scoprire il mondo e il mio io più profondo. Il 13 Novembre 2015 sarà sempre la data del giorno in cui ho spiccato il volo perché non dimentichiamoci che, come dice Francesca Cabaletti:

“Vola solo chi osa farlo.”

Ora…Sono abbagliata dalla vita e da quanto vedono di straordinario i miei occhi, e non posso fare altro che seguire i suoi segnali. Il sole di Perth è molto caldo e, mentre lascio che riscaldi il mio cuore, cerco ogni giorno i suoi raggi.

Quindi, grazie Immigrata allo Sbaraglio per i tuoi racconti e per i tuoi stimoli. Mi sono stati di grande aiuto.

Mi permetto di concludere con una piccola citazione del libro:

È strano come ci si sente, scatta qualcosa dentro te, non solo la paura perché quella è normale, ma anche questo forte desiderio di volercela fare, anche se non sai niente. Perché hai preso una decisione e la vuoi portare avanti costi quel che costi. Il modo in cui eravamo arrivati a prenderla, tutto il male che c’era alle spalle non poteva essere stato invano. Doveva avere un senso e il senso sarebbe stato che ce l’avremmo fatta. Punto.

“La Storia di un’Immigrata allo Sbaraglio” di Francesca Cabaletti

Erica, anzi Atmosferica.


immagine e testo coperti da copyright. © Immigrata allo Sbaraglio – tutti i diritti riservati

Scrivere.

Ed è proprio durante esperienze di vita come questa che ti rendi conto che la scrittura è un grande aiuto. Ti permette di riordinare i pensieri e di trasformarli in parole. Non è semplice, solo una persona abituata ad ascoltarli può essere in grado di metterli per iscritto o magari di parlarne.

È una qualità che ho scoperto ultimamente e la sto sfruttando ed elaborando al massimo perché mi permette di avere ordine nella testa, di sgomberarla da eventuali mostriciattoli che non fanno altro che dare una sensazione di confusione o magari di tristezza. Riesco a fermarli e a rallentarli in modo da fare chiarezza dedicando il giusto tempo e la giusta attenzione a ciascuno.

No amici, non sono triste.

Sto bene.

Sto cercando di godermi anche i silenzi di questa città. Sono convinta che se sono qui, un motivo esiste e presto o tardi mi si paleserà quindi devo essere sempre pronta ad interpretarlo e ad accoglierlo.

Questa è una tipica fotografia da blogger, starete pensando.

Beh…

Vi sto scrivendo da qui. Questo locale si chiama “Gordon St. Garage” ed è perfetto per la colazione o per un brunch con i fiocchi. Me l’ha fatto conoscere Jason e oggi, quando ho fissato l’appuntamento con Rachel, non ho esitato a proporle questo Coffee Bar (link in corrispondenza del nome).

🙂

Camerieri con il sorriso, piatti abbondanti, caffè di ogni genere, grandi tavoli in legno, connessione wi-fi gratuita e grandi vetrate da cui osservare gli alberi solleticati dal venticello sempre presente. La location è molto ampia e ariosa e il nome può farvi intuire che era una grande garage, successivamente ristrutturato.

Rachel. Yes, devo parlarvi di lei. L’ho incontrata pochi minuti fa per parlare di lavoro. Si occupa della selezione del personale (business development manager) e mi ha detto che nei prossimi giorni mi contatterà per dei colloqui. Dice che qui a Perth c’è molto lavoro e che quindi non devo preoccuparmi perché non sarà difficile.

Le ho detto che sono fiduciosa e che se non riuscirò subito a lavorare nell’ ambito dell’events business, inizialmente, mi accontenterò volentieri. Mi è sembrata positiva e mi sono sentita molto a mio agio.

Non vi nascondo che mentre la stavo aspettando all’entrata, un po’ di agitazione alle gambe la sentivo. Appena l’ho vista però, mi è uscita la carica e la voglia di sssspaccare.

Primo colloquio in inglese? No problem, let’s go!

Non abbiamo parlato solo di lavoro, mi ha invitata ad un aperitivo con amici giovedì, mi ha fatto scaricare un’app che mi permetterà di muovermi facilmente con i mezzi che si chiama “Transperth” 🙂

Buffo!?

Mi ha offerto lei il caffè, nonostante io abbia insistito, mi ha invitata a  fare una gita il 4 Dicembre quando tornerà da una settimana di vacanza a Bali e mi ha detto che mi metterà in contatto con dei suoi amici per l’affitto di una stanza.

“Rachel? Are you an angel?”

Maybe.

Bene. Devo dire che sì, scrivere aiuta. Soprattutto in queste occasioni quando l’adrenalina vaga e non puoi fare nessuna telefonata in Italia per raccontare. Eh già amici italiani, per me sono quasi le 14, per voi le 7 del mattino.

Mandatemi segnali cari lettori, avete domande? Commenti?

Dovrei anche raccontarvi la mia giornata di ieri a Fremantle. Nel prossimo articolo ve ne parlerò.

Enjoy your day!

Erica, anzi Atmosferica.

Ci siamo amici.

Con immensa gioia vi dico che il momento è arrivato. Mi sono posizionata davanti al gate su una bella poltrona comoda con tanto di reggi-gambe.

Devo confessarvi che parto piena di amore e sono talmente piena che in questo momento forse le parole mancano. Attendo l’ora dell’imbarco con due cuffie nelle orecchie, un computer sulle gambe e un telefono che continua a squillare.

La canzone che ascolto è “Ti ho voluto bene veramente” di Marco Mengoni. Una canzone un pelo malinconica ma GIURO che dentro me sento tutto tranne che la malinconia. Mi regala pace interiore e profonda riflessione. Parla di un viaggio, probabilmente anche interiore. Dice che il viaggio cambia un uomo e che la meta non è un posto ma quello che proviamo e non sappiamo dove ne quando ci arriviamo. VERITÀ!

Ascoltatela, trovate il link in corrispondenza del titolo qui sopra.

Vedete nella foto la mia famiglia. Manca sorella Elisa ma è nel mio cuore più che mai. Veder piangere mamma e papà dietro a un vetro è stato abbastanza traumatico ma.. viva i pianti di gioia! E’ sempre bello e giusto piangere un po’, lasciar correre le emozioni anche attraverso le lacrime. Leggevo nei loro occhi la gioia, vedo che sono fieri ed orgogliosi di me e questo mi da una carica che nemmeno immaginate. Ci andrei di corsa in Australia, altro che!

Il prossimo articolo lo scriverò dalla grande isola. Giusto il tempo di sistemarmi e di capire da che parte son girata, e poi ci risentiamo. Non pensavo potesse avere tutto questo successo la mia voglia di scrivere e di condividere con voi le mie avventure. Vi vedo tutti lì che leggete! Fantastico!

Arriverò alla base domani mattina alle 6 vostre, 13 mie. Che figata il fuso! Non so perché ma tutto mi gasa, anche le 20 ore di volo. È normale?

Vi saluto.

Erica, anzi Atmosferica.