Scusa ma devo andare…

“Came to you with a broken faith
Gave me more than a hand to hold
Caught before I hit the ground
Tell me I’m safe, you’ve got me now.”

“Sono venuta da te con la speranza distrutta 
Mi hai dato più di una mano da stringere 
Mi hai sostenuta prima che toccassi il suolo 
Dimmi che sono al sicuro, tu mi hai ora.”

(Take me home – Jess Glynne)

Questa direi che rappresenterà per sempre la canzone dell’ultimo giorno di Australia. La ascolto da stamattina e la tengo segreta nelle mie orecchie anche ora che ti sto scrivendo. Sono emozionata e malinconica, sono forte e felice. Mi sento così, proprio come queste parole, proprio come questa arrabbiata ma dolce melodia.

Chiunque, forse anche tu, potrebbe dire che è una canzone triste di un amore disperato e non corrisposto. Lei canta chiedendo un’attenzione e pregando nel ritorno del suo amato, nell’aiuto in caso di difficoltà e di caduta. Chiede se lui potrebbe portarla a casa, è in crisi nera. Cerca una cura per la sua anima spezzata.

Io questo mi sono permessa di chiederlo all’Australia. Mi sono allontanata da tutto per protesta, ero arrivata ad un punto in cui avevo regalato troppo senza ricevere in cambio almeno la metà di quel che meritavo. Ora che è guarito, posso confessare un dolore che raggelava le mie giornate senza darmi troppi riscontri positivi. La mia partenza è stata data dalla voglia di far capire a me stessa che la mia anima avrebbe potuto sostenermi ovunque. Dovevo avere la certezza che da sola sarei potuta partire per qualsiasi viaggio dentro e fuori e che l’Australia non mi avrebbe fatto paura. Anche nel posto più lontano ce l’avrei fatta. Sono partita per una questione personale che dovevo risolvere, dovevo parlarmi e ascoltare ogni mia singola parola. A volte anche a voce alta.

Forte come la musica, ad altissimo volume.

Una sfida lunga sette mesi che si chiude oggi con un sorriso e gli occhi pieni di luce. Stringo i pugni dalla gioia e salto sulla valigia con due piedi per riuscire a chiuderci dentro tutto quello che di più bello e profondo sono riuscita trovare e raccogliere sul mio cammino. Non voglio perdere niente, devo conservare tutto.

Queste sono delle confidenze molto personali, lo so. Non so nemmeno se, leggendo, sia per te facile arrivare fino a lì. Fino al nodo. Fino al punto più profondo che sto toccando qui e ora. Sì perché l’Australia mi ha ancora, per poche ore. Mi sta urlando ora frasi di addio e un saluto memorabile. La sto ascoltando, la sto guardando. Come dice questa canzone, mi ha anche dato tante mani da stringere e le sarò grata per tutta la vita perché con queste mani, ho costruito la mia essenza, la mia rete, il mio nido, il mio rifugio. Ho donato quel che avanzava, tenendo per me il mio segreto potere. Quello per me indispensabile per stare bene. Poche sono le persone a cui l’ho regalato. Non me ne volere ma mi sento speciale.

Lei mi ha permesso anche di guardarmi dentro, mi ha portato in posti magnifici che solo quando sarò a casa guarderò con occhi consapevoli. Non credo di essere sempre stata presente, non penso di essere riuscita a rimanere al passo tra immagini ed emozioni. Tra luoghi e consapevolezza. Molto spesso non capivo la grandezza dello spettacolo che avevo a pochi metri dal mio naso, pensavo fosse normale. Ma non per questo è stato meno intenso, sia chiaro.

Sai, quando di fronte a te hai migliaia di chilometri deserti, è talmente difficile guardare lontano che riesci solo a guardarti dentro. È il posto più vicino da mettere a fuoco. Quando invece ti siedi davanti all’orizzonte, vedi questa linea infinita che taglia il cielo ed è talmente difficile capire la meraviglia di tutta quella infinità, che la cosa più facile da fare è arrivare all’orizzonte dei tuoi pensieri. Lì dove forse non eri ancora stata.

Sempre come dice la canzone, stavo toccando il fondo prima di partire. Non mi rendevo conto ma forse inconsciamente ne ero totalmente consapevole. Questo viaggio è stato la cura, mi ha dato la consapevolezza della mia potenza e dell’energia instancabile che mi riempie senza scappare mai. Mi appartiene e tra noi c’è un legame profondo. Mi piace, ora, guardare quel fondo dall’alto. È come se stessi galleggiando e il fondale sotto di me sia profondissimo, quasi lontanissimo. So perfettamente che un’ondata improvvisa potrebbe di nuovo farmi mancare l’aria tirandomi verso il basso, ma questa è la vita. Non è possibile eliminare la cattiva sorte, come la buona. Resta una vita intera da vivere ora, resta la voglia di rimanere a galla indipendentemente dalla forza del mare. Nel mio oceano ora c’è il sole, vedo pesci colorati e so nuotare senza fare fatica.

Quest’acqua limpida ora la porto con me, in Thailandia.

Erica, anzi Atmosferica.

Il posto migliore in cui stare…

Quando cerco il centro e il punto di equilibrio dove niente mi fa pendere dal lato più pesante, mi siedo a terra. Eccomi qui a scriverti dal pavimento di casa, da Sydney.

Potresti sederti sulla luna, identificare l’Australia, individuare la costa est e fare uno zoom su Sydney, Kent Street, 361/146, piano 22. Sono qui. In questo modo arriveresti qui, nel piccolo punto di questa grande terra, il punto in cui sono seduta cercando il mio posto.

Qual è il mio posto?

Proprio non lo so. Mi viene da dirti che il mio posto sono io. Il mio posto è il mio cuore, sono la mia anima e i miei occhi. Per il resto nulla è mio e nulla lo è stato.

Ho qualche giorno per raccogliere gli ultimi incontri, le ultime parole e gli ultimi sguardi. La parte più dura ma la più preziosa perchè sono certa che tutto quel che arriverà in queste ultime ore, sarà mio. Per sempre.

Sono scombussolata ma con i piedi ben saldi a terra. Non preoccuparti. Mi sono scritta una lista delle ultime cose da fare in modo da non arrivare all’ultimo giorno confuso a non saper che pesci pigliare. Sto per partire di nuovo. Te lo giuro.
Non riesco a definirti in poche parole il mio stato d’animo ma è anche bello sentirmi così. Mi piace.

Come sempre mi lascio travolgere dalle emozioni e ascolto canzoni in base ai giri strani che la mia mente decide di percorrere. Le seguo, musica e anima, viaggio con loro. Mi lascio trasportare in profonda tristezza ed immensa felicità. Sono dispiaciuta per quel che lascio ma curiosa di vedere quel che mi aspetta, chi mi aspetterà.

Chi lo sa.

Per unire il Mondo in un’immagine, pochi minuti fa guardavo questa foto che vedi in copertina. Qui dentro vedo tutto più piccolo, trovo equilibrio, riesco ad unire le varie strade, le emozioni frastornanti che pretendono troppo spazio. State calme! L’ho scattata ieri a Bondi Beach in un pomeriggio freddo e leggermente ventoso. In questo mare vedo l’acqua che unisce le terre, nella sabbia vedo la stabilità e la concretezza alle quali ogni oceano trova base e nel cielo, beh, nel cielo vedo tutto quel mistero che avvolge il Mondo, ovunque.

Ogni posto è pieno di cielo. Ogni posto è pieno di mistero.

Questa foto mi fa riflettere soprattutto ora in cui mi lascio cullare da un momentaneo e giustificato senso di perdizione. Presto lascerò l’Australia ma ovunque nel mondo potrò decidere di portarmi davanti ad un’infinita distesa d’acqua che bagna la terra.

Ovunque sarò, potrò stare bene.

Ovunque andrò, avrò ben chiaro che sarò io il posto migliore in cui stare, ancor meglio se di fronte al mare.

Erica, anzi Atmosferica.

La casa dov’è?

Ti scrivo dal prato e dalla piscina, dalla città di Brisbane e da un cielo a pecorelle. No, niente acqua a catinelle!
La pioggia non la vedo da molto.

Un ultimo giro per le vie del capoluogo del Queensland ci ha fatto scoprire una piscina pubblica a South Bank. Qui puoi venire a farti un tuffo quando vuoi e decidere se farti coccolare dalla sabbia artificiale, dal prato o dal cemento.
Una figata pazzesca questa pozza di acqua azzurra. Un’idea geniale più che altro.

image

Il sole è ancora caldo e l’ultimo giro sul traghetto è stato suggestivo. Vedere la città dal fiume è emozionante con la luce e con il buio. Vedi due volti, due atmosfere entrambe magiche.

image

Quanto mi piace scriverti da Brisbane! Mi sento super ispirata e voglio fermare ogni sensazione che la città mi sta regalando. È calma ma possente ed è un mix di grattacieli e chiese improvvise come sorprese. Forse Brisbane è l’unione di tutte le città australiane.

Sì.

La cattedrale in mezzo ai grattacieli fa la sua scena. Particolare. È moderna come loro, pulita, nuova. Non stona tra tutta questa altezza, è suggestivo notare l’accostamento. È un po’ come quando ti vesti a casaccio ma guardandoti allo specchio scopri di essere pieno di stile. Un abbinamento azzardato ma che rappresenta al meglio la tua personalità.

Brisbane è un po’ così. Abbina piscine a fiumi, chiese a palazzi, colori a tinte unite e negozi eleganti ad altri alternativi. Puoi in ogni caso ritrovare la tua dimensione. Dove vuoi. Puoi viverla a tua immagine e somiglianza.

Tra qualche ora un treno ci riporterà al Domestic Airport da dove voleremo di nuovo a Sydney.
Parlo di lei come se fosse casa, e in fin dei conti non è un errore.
Ho la mia casa, la conosco, ho il mio cuscino profumato dell’Ikea e il mio piumone rosso.
Torno al freddo e a Kent Street, al piano 22 e alla meravigliosa vista su Darling Harbour.

Ritorno nella città che mi ha fatta crescere rapidamente e che rappresenta la MIA città australiana. Quella più importante.
Quella a cui ho avuto tempo e modo di affezionarmi.
Cara Sydney.

Continuo a sentirmi scombussolata ma non perdo la bussola. So da dove vengo, dove sono e dove sono diretta. Mi aspettano montagne russe emozionali che mi terranno a testa in giù e mi faranno mancare il fiato. Non ho paura.

Nel frattempo ringrazio Brisbane per questa piacevole seppur breve conoscenza. Mi ha mostrato un altro lato dell’Australia, è stata una piacevole scoperta in tutta la sua particolarità.

Proseguo ora il mio cammino, prendo ora un altro volo. Torno ancora lì, dove un tempo mi sentivo persa ma ora mi sento a casa.

Erica, anzi Atmosferica.

Autunno in Gold.

Quando pensavo di lasciare l’Australia senza vedere Brisbane e la Gold Coast, stavo facendo lo sbaglio più grande.
Stavo per fare un errore madornale.

La sveglia presto stamattina ci ha catapultati direttamente sui sedili scomodi ma puliti del treno che partiva alle 7.29 per la Costa Oro. Un nome che ci sta alla grande e si intona perfettamente con l’infinita spiaggia paradisiaca che si stende lunga lunga ai piedi di grattacieli moderni. Un’immagine da film.
Dovevi vedere!

Mentre camminavo sul lungomare mi sono sentita per un attimo a Miami, anche se non ci sono mai stata. Lo sai che mi piace viaggiare in posti sconosciuti, ormai dovresti averci fatto l’abitudine.
Eddai.

image
Personaggi super fisicati correvano pieni di energia, ragazzetti viaggiavano sullo skate puntando lo sguardo verso l’infinito e belle donne in forma camminavano veloci con la musica nelle orecchie e i capelli raccolti in una coda di cavallo.
Io osservavo tutto come al mio solito, ero dentro ma guardavo dall’esterno. Lo sai che mi piace calarmi nella parte della reporter.

Devo portarti con me o no?

Dalla fermata del bus, cinque minuti a piedi ci hanno portato davanti alla famosa scritta “SURFERS PARADISE”. Non sai che strano trovarmi lì sotto. Guardavo anche i grattacieli fino alla cima e mi girava la testa. Forse sono i più alti che abbia mai visto.

image
Erano le dieci di mattina e il cielo era di un azzurro intenso.
Grazie cielo.

Il Paradiso Dei Surfisti a quell’ora era ancora abbastanza deserto, e prendere posto sulla sabbia ancora fresca è stata la decisione migliore. È difficile decidere dove piazzare il telo mare quando c’è troppo spazio libero, ti è mai successo?
Ho fatto dieci passi e poi altri dieci. Mi sono guardata attorno ma ho proseguito ancora un po’.
Forse dovevo fermarmi lì.
Non so perché proprio lì.
Ma andava bene.

image
Il sole si specchiava nelle vetrate dell’Hilton e dell’albergo giusto di fianco, si creavano giochi di luce, sabbia, mare e film.

Ad un certo punto credo anche di essermi addormentata. Il sole era caldo ma non fastidioso o soffocante. Ci saranno stati 25/26 gradi.
Si stava da dio.

Più tardi, la fame iniziava a farsi sentire e il sole stava per cadere dietro ai grattacieli formando giganti parallelepipedi ombrosi sulla spiaggia. Era il momento di andare ringraziando comunque questo caldo autunno.
Giornate brevi ma intense.

Come nella più classica località di mare, dalla spiaggia partiva la via di negozi e fast food. Per il resto non c’era nulla di classico e banale, provavo ad alzare più volte la testa e ancora, giramenti di testa.
Un po’ di zapping tra i più disparati punti vendita, un caffè da Sturbacks e altri giretti. Un pomeriggio di vacanza piena insomma.

L’atmosfera che si respira sulla Gold Coast è unica. La magia dell’estate la renderà sicuramente ancor più luminosa ed elettrizzante. Ora siamo nel periodo meno affollato, i backpackers scappano al nord dove il caldo è tropicale ma sono sempre felice di sentirmi una viaggiatrice atipica.

È giusto anche andare al mare d’inverno, in montagna d’estate e sulla Gold Cost in autunno.

Why not?

Erica, anzi Atmosferica.

Brisbane ieri e oggi.

Sto scoprendo una Brisbane imbarazzante.
Intendo dire che con la sua bellezza è in grado di farmi arrossire, mi lascia di stucco e senza parole. Neanche il più affascinante uomo ci riesce ultimamente, invece lei mi ha spiazzata continuamente, più volte.

La giornata di ieri è stata pazzesca.
Greta è riuscita ad organizzare una gita memorabile al Noosa National Park. Due ore di macchina verso nord, un gruppo tosto di simpatici ragazzi e tanta voglia di assaporare l’inizio del fine settimana e arancioni sfumature nel cielo.
Un sogno ad occhi aperti quel posto, una passeggiata sulla striscia di cemento che attraversava il bosco ci ha portati alla spiaggia. Si respirava una potente energia naturale condita da profumo di pollo allo spiedo comprato per il pic-nic in riva al mare. Qualche croccante chicco d’uva, una banana non troppo matura ed avocado spalmato sul pane fresco.
Il mare era abbastanza calmo, la compagnia era italiana e il sole caldo.
Qui è ancora caldo.
Ho fatto il bagno.
Di nuovo.

image

image

Vedevo la voglia di scattare fotografie combattendo con la memoria piena del telefono, voglia di ridere e ascoltare storie. Sentivo risate fragorose e mi è piaciuto raccontare, cantare e riposare. Tutti eravamo lì ma tutti avevamo la nostra avventura, ognuno la sua. La vita ci aveva uniti per un momento ed era giusto condividerlo a pieno. Amicizie in comune, avventure australiane e Brisbane, Sydney, Perth, Melbourne e il deserto, l’arrivo e il ritorno, ostelli ed esperienze in famiglia, la voglia di Italia o quella persistente di Australia.

Belle storie, ognuna ovviamente singolare.


Perché il viaggio è sinonimo anche di incontri e non solo di nuovi paesaggi. Come mi ha detto Matteo, un ragazzo conosciuto a Bondi Beach in un pomeriggio spensierato, viaggiare non è bello solo perché vedi posti nuovi ma soprattutto perché lungo la via si incontrano volti mai visti. A volte speciali. A volte banali.
Persone che potrebbero cambiarti la vita o comunque il corso delle cose.
Succede, quindi, che in quel caso il viaggio diventa una storia e non importa lo sfondo del racconto.
Non importa in che posto sei del mondo ma solo l’anima che ha incrociato il tuo cammino per quel breve ma lungo secondo.


Verso l’ora del tramonto, una tappa alle piscine naturali era d’obbligo. Toccavo il cielo con un dito, ero stanca e asciutta di sole, ma ero felice.

imageimage

Dovevi vedere che spettacolo.
Non riuscivo a distogliere gli occhi dal cielo come ad aspettare un esplicito messaggio, non potevo perdermelo e nessuno doveva impedirmelo.
Una strana quiete, un’aria libera, ossigeno fresco e scogliera rossa.

Pace vera.


Oggi invece la magia della città.
In poche ore abbiamo camminato per chilometri e anche osservato Brisbane dal fiume all’ora del tramonto. Ho sentito subito un’atmosfera diversa da quella di Sydney, qui la città è più accomodante, ti coccola senza ancora conoscerti e senza farti sentire persa.
Un fiume ti accompagna attraverso formando leggere curve, i grattacieli sono tanti e pieni ma ben distribuiti lungo le rive del corso d’acqua.
Sydney è più compatta, sì.
Brisbane è rilassata.
Le luci sono ovunque colorate e sono rimasta piacevolmente stupita da piccole sorprese nascoste qua e là. La ruota illuminata, un piccolo tempio Nepalese ai suoi piedi e la scritta BRISBANE che avevo visto solo in fotografia. La cattedrale è suggestiva e i nomi delle vie inaspettati. Roma Street.
Che strano.

Ho sentito un po’ di arte. Ho guardato una città pensata e non solo riempita e poi innalzata. Da South Bank stasera era straordinaria, davvero. È bella e forse l’avrei scelta se l’avessi vista prima. L’avrei scelta per me e per la mia scrittura, per la mia ricerca e scoperta. Forse mi avrebbe dato altri messaggi ma sto comunque cercando di ascoltarli tutti, anche in poche ore, anche in pochi giorni.

Erica, anzi Atmosferica.

Buongiorno Brisbane.

Proprio nel momento in cui ho sentito l’aereo staccarsi da terra, ho realizzato di essere ancora in viaggio.

L’ennesima partenza ma la prima da quando mi sento nuova. Inizia oggi un periodo di decollo e atterraggio, di andata e ritorno. Un aereo pieno di volti, alcuni dormivano già prima di spiccare il volo. Mi chiedo come abbiano potuto perdersi quel momento ogni volta per me emozionante e ancor più bello se vissuto con la mente rilassata. Abbandono.

Ti lasci schiacciare dalla forza, senti il petto a contatto con il cuore e ogni pensiero spicca il volo insieme a te. È uno strano momento di saluto, in cui in due minuti ti trovi a vedere mille luci che formano una città. La tua fino a qualche momento prima. Dove c’è nero c’è mare e riesci a unire i puntini sulla cartina geografica. La Terra. La luna o il sole.

Sei nelle mani di un pilota, sei sulle ali di un aereo e devi fidarti del cielo. Lui ti sosterrà e ti porterà dove stai chiedendo di andare. Una magia direi.

È stato un viaggio breve che dalle nostre parti può portarti in una vicina città Europea.
Parigi, Barcellona, Berlino.
Non so le durate e le distanze precise ma so che con un volo del genere potresti trovarti tra altre lingue, altre culture, tra la storia di un antico luogo e tra il cemento di muri scrostati dal tempo. Chiese ricche di atmosfera e spirito, viottoli stanchi di passi, piazze bagnate da fontane piene di monete e desideri.

Qui è sempre tutto nuovo e un volo di un’ora e mezza ti porta nella più vicina grande città.
In una delle…due.
Principali.

Puntando verso nord, Brisbane.

È così che mi ci sono portata. Una gita programmata all’ultimo e decisa così, su due piedi.
Quanto mi piacciono le idee improvvise, le partenze che non avresti pensato di cavalcare mai. Le pazzie.

Avevo abbandonato l’idea di Brisbane. Dopo migliaia di chilometri non riuscivo più a pensare di spostarmi da Sydney, mi sentivo bloccata e asciutta. Piena e satura.

E invece no.

È servito un sorriso di un amico. Uno stimolo che aspettavo da qualche tempo che mi desse una nuova spinta. Nuova come me.

Vorrei dirti anche che mi sento in movimento ma comunque ferma. Come ho pensato quando al gate è comparsa la scritta “Open”.
Stavo per partire ma mi sentivo salda e solida, tutta d’un pezzo. Questo volo non mi ha fatto l’effetto di altri, non ho sentito perdizione o quel filo di agitazione. Ero solo contenta.

Di Brisbane ho già visto l’alba e ho camminato sotto ad un cielo rosa delle sei di mattina. La prima impressione è stata bella e fresca, un benvenuto niente male.

Cercherò tra le vie un po’ di diversità, cercherò il particolare che la rende unica. Sono già in cammino e in scoperta, da oggi ricomincio.

Da oggi sono di nuovo aperta, di nuovo nuova.

Erica, anzi Atmosferica.

Il riscontro nell’incontro.

Finalmente riesco a ritagliare due ore piene di pensieri e parole, per scriverti e vuotare il sacco. Ultimamente arrivo sempre all’orlo. Dopo qualche giorno di silenzio, sento forte il bisogno di sfogarmi e gettare in parole tutto quello che frulla instancabile nella mia testa.
È una sensazione strana che solo chi ama scrivere può capire. Mi accorgo di avere questo bisogno quando, chiudendo gli occhi per un breve riposo dopo il lavoro, la mia anima inizia a parlare come se dovesse scrivere. Come se dovesse raccontare.

È proprio in quel momento che non la voglio zittire e inizio a scrivere come una diligente studentessa che non vuole perdersi una singola parola del professore. Scrivo tutto.

Sono giorni intensi come i miei pensieri e solo scrivendo quel che dice quella voce, posso fare ordine e tornare a vedere tutto con più chiarezza e calma. Si tratta di smistare ciò che è importante da ciò che occupa la mente solo perché non ha altro posto in cui stare. Una sorta di raccolta differenziata dei pensieri, una cura per l’anima, la soluzione ideale ad ogni stato di leggera confusione.

L’ultima settimana di lavoro sta fluendo veloce e malinconica. Sono molto dispiaciuta al pensiero di non rivedere più questa piccola famiglia che mi ha accolta e capita. D’altro canto però, sono adrenalinica e piena di motivazione all’idea di altre avventure e scoperte che mi aspettano.

Non voglio anticiparti molto perché sarà bello farti delle sorprese e portati in luoghi che non immagineresti. Ho voglia di farti viaggiare insieme a me, tu hai gli occhi bendati e solo al momento opportuno vedrai quanta bellezza sarà attorno a te. Solo lì potrai vedere.
Quando lo decido io.

Ci stai?

Sono emozionata. Ho una tremenda voglia di vivere ogni secondo delle mie giornate intensamente anche se, spesso, sento il mio fisico chiedere aiuto. Sono sempre troppo energica e anche nel contatto con le persone mi piace dare il massimo, amo entrare nella testa di chi ho davanti e regalare ciò che sento chiedere dalla connessione.

Mi è capitato soprattutto oggi di ricevere riscontri positivi, un cliente e un collega mi hanno colpita regalandomi due simpatiche ma molto vere affermazioni.

 Un signorotto serio e barbuto, avvocato e cliente abituale, mi ha fatto un sorriso per la prima volta. Ho come avuto la conferma che mi avesse capita, dopo tempo. È da più di due mesi che ordina sempre al tavolo 9, è uno di quei clienti che potrebbe dire…

“Il solito grazie!”

…ma non lo dice, giusto per rimanere tenebroso e poco prevedibile.

…ma tu comunque già lo sai…

Un flat white e pane tostato senza glutine con burro e vegemite.

Ogni volta mi ha ringraziato ma senza guardare mai i miei occhi. Bene, nonostante ciò, io l’ho sempre servito con il sorriso come a sfidarlo, come a dire…
…”Prima o poi mi sorriderai anche tu!”
Dopo ripetuti e gelidi “Thank you.”, oggi la svolta.
Mi ha guardata e mi ha detto:
“Thank you funny girl!”

🙂

Mi ha ringraziato dicendomi che sono una ragazza divertente. Sorrideva. Mi ha guardata dritta dritta negli occhi. Ho visto il suo sorriso farsi spazio tra i folti baffi ed è stato come vedere una lampadina in una stanza buia. Una candela accesa. Ho subìto attivamente il suo sguardo e mi ha comunicato altro oltre a quelle quattro parole.
Beh, una grande soddisfazione.
È proprio vero che a volte basta poco per essere felici. Mi ha fatto capire di aver accettato con piacere il mio regalo, i miei regali giornalieri.

Mi ha colpito anche la frase di Beppe, un ragazzo russo che lavora con noi da pochi giorni. Gli è bastato un niente per captare la mia essenza e decifrare il mio carattere.
Oggi mi ha fatto riflettere.

“You have a great personality. You are going to be a good woman, a good wife and a good mother.”

My God Beppe! Thank you!

Mi sono sentita apprezzata per quello che sono e per quello che vorrei essere. Per ciò che SOGNO di essere.
In pochi giorni ha visto in me la determinazione di una donna, la giusta personalità per essere una brava moglie e l’amorevolezza che potrei regalare da madre.
Non potevo ricevere complimento più bello e penso che lui l’abbia capito dal mio silenzio sfociato in un sorriso.

Sono tremendamente felice di questi piccoli riscontri che sto avendo. Sento di vivere intensamente questi ultimi giorni, non mi perdo nemmeno un secondo, uno sguardo, un sorriso, una parola che potrebbe cambiarmi la giornata.

Spero di essere riuscita a spiegarti la sensazione di pienezza che sta colmando la mia quotidianità in ogni piccola azione e attenzione. Tutta questa intensità si traduce in mancanza di tempo per te e a volte anche per me.
Ho le occhiaie.

Il freddo a Sydney è arrivato, la mattina un vento gelido e tagliente ti punta dritto dritto negli occhi. Nonostante ciò sento il cuore caldo e pronto, aperto e libero.
Te lo sto spiegando a parole mie, ma dovrei dirlo a parole sue.

Ssshhh. Silenzio.

Perché a noi il freddo non fa paura.

Erica, anzi Atmosferica.

Anche questa volta.

Di ritorno da Palm Beach, abbiamo il naso fresco e i piedi ancora umidi. Il sole batte basso sui vetri del pullman e sono solo le sedici. È stata un’idea carina quella di venire oggi nella penisola a forma di Palma che si allunga nel mare a nord di Sydney.

Un mercatino domenicale ci ha dato il benvenuto, era l’ora di pranzo e alcune particolarità cuocevano a fuoco lento. Altre bancarelle esponevano bigiotteria artigianale e quelle più banali vestiti a fantasia colorata. Una bella atmosfera e subito la decisione di chiudere il buchino con una fetta di torta turca. Non ricordo il nome perché era troppo strano ma ho bene in mente la somiglianza con la Torta Salata della mamma.
Conteneva spinaci e pollo, era soffice e una spruzzatina di limone è stata il tocco magico.

Il prato, come al solito curato alla perfezione, stava a ridosso della spiaggia e la voglia di osservare il mare da lì ci ha distesi rilassati. Musica nelle casse, un libro per Ilaria, il sole tiepido e l’arietta fresca.

image

Più tardi, dopo un pisolo di qualche minuto, ci siamo incamminati sulla spiaggia. Abbiamo deciso di procedere verso la parte destra, là dove gli scogli entravano nell’oceano e le onde spruzzavano potenza. Una passeggiata sulla riva umida, Luca giocava con l’acqua bagnandosi i piedi, io osservavo e fotografavo. Ilaria camminava per prima, lasciando le sue impronte nella sabbia color biscotto.

image

image

Laggiù dove il rumore del mare creava schiuma, saltellare sulle rocce è stato divertente. Un giusto impegno concentrato per poi apprezzare il mare aperto, per arrivare in quel punto più vicino all’orizzonte.
Chissà poi perché…

Perche questa voglia di toccare una linea inesistente?

Il punto più sporgente è sempre quello che mi da soddisfazione, mi regala racconti e voli di gabbiani. C’era anche un uomo che volava. Era un deltaplano penso.
Ilaria lo guardava affascinata come se fosse qualcosa di mai visto, Luca, meno assopito, chiedeva come avrebbe fatto a fermarsi, a planare.

Sul mare?

In quel magico punto, il mare aveva il suo ritmo. A volte urlava e altre cantava. Parlava.
Seguivo la schiuma che forse copriva la roccia, forse no. Rimaneva a galla.
Ero ipnotizzata ma non ero salva, quasi quasi mi bagnava. Ogni tanto scherzava.

Ora siamo di ritorno, con la faccia un po’ stravolta.
Eravamo di passaggio anche questa volta.

Erica, anzi Atmosferica.

Il mare che unisce.

È stato bello, ieri, uscire dal lavoro e vedere Luca e Ilaria. Erano lì fuori, sulla panchina del parchetto, aspettavano che finissi per andare insieme a Bondi Beach. La gita del giorno.

“Andiamo in spiaggia?”

La domanda di Luca mi ha fatto pensare a come per me sia normale poter avere il mare vicino e nei suoi occhi ho visto la voglia di vedere il mare. Non lo vedeva da tanto. A volte me ne dimentico.

Il bus 333, da Elisabeth Street, ci ha portati direttamente in riva e la folata di aria oceanica che ci ha travolti appena arrivati, li ha lasciati un po’ senza parole. Ho visto. Ho fatto attenzione.

Spesso non vivo la mia esperienza tramite i miei occhi ma attraverso quelli degli altri. È bello e mi piace notare espressioni, l’approccio e la reazione.

La spiaggia di Bondi si stendeva dorata davanti a noi e non faceva caldo. Ho seguito i loro spontanei movimenti e ci siamo portati alla riva dove le onde sbattevano e i surfisti si lanciavano combattenti pieni di sfida e passione. I gabbiani erano tanti e l’acqua molto fredda. Il cielo di un azzurro intenso e la sabbia umidiccia. Non ci importava.

Lasciandoci sempre trasportare dal momento ci siamo trovati seduti, gambe incrociate e zero teli mare adatti all’occasione. Diretto contatto con la terra, con l’emozione. Abbiamo iniziato a parlare e io ascoltavo le loro sensazioni che magari uscivano ad alta voce. Luca commentava la potenza del mare e solo in un secondo momento si è reso conto fosse OCEANO. Quello vero, quello forte.

Ilaria parlava alla natura stando in silenzio. Scattava foto e si lasciava trasportare dagli impulsi. Si ascoltava.
Si avvicinava al mare quando questo la chiamava, lo guardava quando lo sentiva ed era tutto così, naturale appunto.

image

Abbiamo lanciato pezzi di pane ai gabbiani che golosi come al solito facevano la guerra. Era bello puntare verso l’alto e vedere che acchiappavano il cibo al volo senza nemmeno lasciarlo prima cadere a terra, a sabbia. Gabbiani ingordi.
Anche Luca li ha conosciuti, finalmente. Ilaria già li conosceva.

image

Non ti dico la mia sensazione nel condividere tutto questo con loro. Io, che fino a qualche giorno fa mi ci portavo da sola in quei posti, stavo offrendo qualche emozione anche a loro. Loro la stavano offrendo a me.

Uno scambio bello che mi mancava. Mi sentivo libera di ridere e oziare anche con loro, di ascoltare e cantare, di rotolarmi nella sabbia appiccicosa senza pensare che mi sarei sporcata i pantaloni. Libertà.

Verso le sedici e trenta la luna bianca alla nostra sinistra iniziava ad alzarsi nel cielo ancora azzurro. Ombra sul mare ma sole là, dalla parte di quelle case arroccate sulla scogliera. Quell’angolo che mi ricorda la Costiera Amalfitana.

image

🙂

C’era con noi anche Elena. Una giornata tutta all’Italiana ma comunque nuova. Sto facendo incontrare persone che non si conoscono ma che potrebbero trovare qualcosa che le accomuna. Mi piace unire pezzi come meglio credo e vedere che disegno ne viene fuori. Ieri era bello, divertente e artistico. Era nuovo ed ero troppo felice di essere lì con loro.

È stato forse il primo giorno da quando sono qui, che non ho nemmeno guardato il telefono. Ad una certa ora l’Italia inizia a squillare, le amiche vogliono aggiornamenti e la mamma chiede se va tutto bene. Non volevo perdermi nemmeno un secondo di quel momento, me lo sono goduta in ogni regalo e sorpresa. Semplice.

Oggi è sabato. Stasera si uniranno altri pezzi a questo puzzle improvvisato. La mia collega francese organizza una cena per il suo compleanno e sono curiosa di vedere che ne verrà fuori, anche lì.
Sperimentare, conoscere, raccontare e scoprire.

Non penso ci sia nulla di più bello e stimolante. L’avventura che lega le persone, nel mondo.
Il mare che fa da tramite.

Erica, anzi Atmosferica.

Incontri passati e futuri.

Qualcuno potrebbe fermare il tempo per piacere?

Mi devi scusare ma sono giorni pieni. Ho la testa piena, il cuore pieno, le giornate piene e avrei un sacco di cose da scrivere. Forse però è stato meglio lasciar scorrere questi tre giorni liberi. Liberi da frasi, maiuscole, punteggiature e virgolette. Liberi da titoli e paragrafi, da grassetto e corsivo, da punti.

Ieri Luca è arrivato a Sydney. Un amico di Lecco, la mia città. Non ti dico che emozione ho provato quando l’ho visto uscire dalla hall dell’albergo. Saltellava sorridendo, come a dire “Ecco, sono arrivato!”
Ho sentito il cuore esplodere!
Starà qui un paio di settimane in vacanza, ha abbandonato per quindici giorni il lago lecchese per venire ad esplorare la baia di Sydney e dintorni.
L’ho trovato energico, pieno di curiosità, voglia di comunicare anche in inglese. Sono felice!
Da quando è arrivato mi sento più turista che viaggiatrice. Mi sembra di essere arrivata insieme a lui e voglio fare mio ciò che lui vede, sente, trova strano o particolare. Gli ho chiesto di esprimere a voce alta le sue osservazioni. Voglio capire come vede questa realtà diventata per me “normalità”. Sarà interessante. Mi è venuta la voglia adrenalinica di cercare qualcosa di nuovo e di provare qualche brivido. Si è accesa in me come una lampadina, una luce lampeggia come a dire “Emergenza!”. Luca ha conosciuto già qualche mio coinquilino, è venuto a casa mia ed è stato davvero strano dargli il benvenuto. Prima di salutarci abbiamo fatto due passi nella baia di Darling Harbour ed è stato interessante vedere dai suoi occhi la somiglianza tra Sydney e New York, ricordo sfuocato di quando era più piccolo.
Tra oggi e domani pianificheremo qualche gita e non escludo grandi cose.
Poi ti dirò…

Un quarto della valigia di Luca era occupato da una borsa che mi ha mandato la mia Mamma. Anche lì, emozione.
Quando l’ho aperta, mi è sembrato di toccare le sue mani e di sentire il suo profumo. Magone.
Delle creme, una giacca, dei maglioncini e il caricatore nuovo per il telefono. Mamma sei davvero magica. Grazie!
È stato bello vedere come sia possibile toccarsi anche a 15.000 chilometri di distanza. Ti ho sentita!

image


È appena atterrata a Sydney Ilaria. Anche lei è una sorpresa, una magia e un’energia. Non ci conosciamo ma siamo molto connesse, veniamo dalla stessa città, paese. Lei arriva da nord dopo un’esperienza da sogno tra la natura del Queensland. Arriva con il suo zaino pieno di oceano e paesaggi magnifici, percepisco il suo senso di avventura e la voglia di affidarsi alle mani della vita. La ospiterò qualche notte e nel frattempo vediamo che succede.

Ti aspetto!

Quante persone!

Non sono abituata!

Insomma. Le ultime ore sono state un concentrato di emozioni e incontri passati e futuri. Sono scombussolata da questa giornata di sole non troppo caldo e dalla voglia di godermi ogni secondo prezioso.
Prometto di scrivere presto anche perché ne ho bisogno. Il potere della scrittura mi stravolge il cuore e mi libera l’anima. Benedetto quel giorno che ho deciso di iniziare a scrivere, condividere, riordinare e confidare.

Erica, anzi Atmosferica piena di vita!