Selvaggia.

Tutto ciò che prima di partire mi identificava esteriormente, ora è solo un lontano ricordo. Chi mi conosce bene potrebbe notare in me un cambiamento apparente mentre chi mi conosce bene bene, saprebbe sicuramente decifrarlo e trovare riscontro in una trasformazione interiore.

Mi piaceva avere uno stile particolare in ogni situazione, mi veniva naturale e non impiegavo ore a scegliere i vestiti davanti all’armadio. Amavo avere l’orecchino giusto e le unghie sempre in ordine, perfette.

Il rossetto rosso nelle uscite serali non mancava mai e soprattutto ultimamente, mi sentivo in gran forma sventolando i miei boccoli biondi come trofei.

I tacchi li ho sempre sfoggiati solo quando credevo che la mia altezza non sarebbe bastata. Dovevo essere più alta. Dovevo farmi notare.

Qui non è così.

Erica vuole natura e naturalezza. A parte qualche occasione speciale, quelle tre magliette e shorts di jeans, si alternano. L’infradito va per la maggiore ma se proprio devo indossare scarpe, Adidas.

Nell’armadio mille vestitini mai indossati. Quasi quasi farei un pacco e li spedirei a casa. Credo di avere un’essenza prevalentemente “Fighetta” che però in questa esperienza è stata accantonata. Conservata in un cassetto che andrò ad aprire a tempo debito.

I capelli crescono sempre più, li lego con un elastico ogni volta che sento caldo. Sono abbastanza selvaggi, disordinati ma comunque con un senso.

La mia amica ALICE sarà FELICE.

La mia fissa per smalto perfetto su piedi e mani sta passando in secondo piano. L’abbronzatura risalta le mie lentiggini e un filo di mascara mi basta per vedermi bella e valorizzare i miei occhi chiari.

Ora non esco di casa senza il mio zaino rosso. All’interno una sciarpa, un maglione, telo da mare, occhiali da sole, passaporto e acqua.

Così, molto selvaggia 🙂 .

Non avrei mai pensato di vedermi così davanti a uno specchio.

Eppure sto bene. È il giusto stile per affrontare questa Australia. Pochi grilli per la testa e via andare!

La figata è che questa trasformazione è appena iniziata e sono troppo curiosa di vedere dove mi porterà.

La “Fighetta” al naturale.

Selvaggia.

Ci sta!


Ieri, tornata a casa dopo un pomeriggio infernale con Mattia e Francesca sotto il sole che riscaldava il nostro candido viso con i suoi 41°C, mi sono guardata allo specchio.

Ero accaldata e rossa paonazza. Sentivo il calore trasudare dalla pelle e i capelli che avevo bagnato alla fontana, erano già asciutti.

Sì esatto, c’era quel tipo di caldo da ‘bagno nella fontana del parco’.

Io e Mattia ci siamo completamente annaffiati.

Dicevo…arrivata a casa, volevo fresco e togliere dai piedi le scarpe.

Volevo togliere le scarpe.

Dovevo togliere le scarpe.

Le Adidas nere e bianche.

(Non sapete i chilometri che sto facendo con quelle scarpe. Come minimo quando tornerò a casa le appenderò al chiodo, come fanno le ballerine di danza classica con le punte.)

Camminavamo, camminavamo, ci guardavamo, senza dire troppe parole e poi camminavamo. Ultime pratiche per l’acquisto del nostro mitico Van Mitsubishi: passaggio di proprietà, assicurazione contro terzi e assistenza stradale in caso di guasto.

Ad ogni modo…

Se veramente Babbo Natale esiste, oggi sarà nostro.

Inizieremo quindi ad arredare il nostro salotto, capire come disporre ciò di cui abbiamo bisogno nella nostra nuova casa e compreremo l’indispensabile. Non il superfluo.

Un divano con penisola, un prezioso lampadario, una cucina in acciaio inox, un televisore al plasma e un dondolo da mettere in giardino.

Sky • Connessione Wi-Fi • Impianto Dolby Surround • PlayStation 4

AHAHAHA.

No.

Scherzo.

🙂

Prima tappa sarà Ikea. Faremo una lista dettagliata e utilizzeremo la nostra cassa comune da dove attingeremo denaro ogni qualvolta avremo bisogno di mantenere il nostro viaggio e il nostro super mezzo.

Sono molto agitata e non vedo l’ora di sentirmi libera su quel camioncino bianco. L’idea di scappare da questa città mi gasa e non vi potete immaginare la curiosità che ci assale ogni volta in cui pensiamo alle tappe che ci stiamo prefissando.

Siamo insofferenti.

Abbiamo sete.

Vogliamo esplorare!

AIUTO!! QUANTO MANCA???

Ok amici, devo uscire. Non voglio lasciarvi sempre con il fiato sospeso ma giuro che devo andare dal meccanico con Matti e Franci.

Sarà l’ultima volta.

Giuro che non ce ne andremo da lì se non con le chiappe sulle quattro ruote.

Brum Brum. Scaldate i motori!

Erica, anzi Atmosferica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: