Ero viva.

È giunto il momento della scrittura giornaliera. Sono spaparanzata sulla spiaggia paradisiaca di ieri, Frenchman Bay, e i miei pensieri mi stavano proprio parlando di questo. Non posso fare a meno di scrivere, sono diventata dipendente da questa liberazione quotidiana con cui getto nero su bianco parole e immagini. Vi avevo parlato qualche mese fa di questa mia recente passione… Ricordo che l’articolo s’intitolava “Scrivere.” ed ero appena arrivata a Perth.

Avevo parlato di come la scrittura sia terapeutica per me. Mi aiuta a seguire ogni pensiero dando priorità a quello più importante. Fatta una selezione, ne approfondisco uno con attenzione e ordine. È bello saper sguazzare tra i pensieri, affrontare a pugni duri anche i più brutti e poi tornare a quelli belli. Non so dirvi se nella mia testa vadano per la maggiore racconti fantastici o realistici ma la cosa bella è che la realtà che sto vivendo in prima persona è un sogno per molti di voi che leggono. Per questo mi impegno come una studentessa del mondo a raccontare quel che vedo e quel che percepisco come la più bella storia fantastica ma piena di realtà.

Vi parlerei oggi di quel che ho provato lassù, nel punto alto della collina che si gettava a picco nell’oceano. Wind Farm è il nome di questo percorso tra cespugli e rocce, che prosegue per qualche centinaio di metri ai piedi di gigantesche pale eoliche. A destra, girandole alte cinquanta metri catturavano il vento con forza indescrivibile e a sinistra, ai piedi della cespugliosa collina, l’oceano sbatteva con violenza sugli scogli. La stradina irregolare, formata da scure assi di legno come quelle delle terrazze di cui vi ho parlato ieri, seguiva la pendenza del terreno andando prima su e poi giù, verso destra e poi verso sinistra…era divertente seguire le sue tondeggianti forme.

Ad un certo punto, le assi in legno non proseguivano, la giostra era finita e un piccolo spiazzo di ghiaia, affacciava sul mare. Sentivo la gioia trapanare il mio stomaco, il vento sgusciare dentro ed ero un tutt’uno con la natura e con la sua immensità.

Mamma mia che potenza!

Che vento!

Ho cacciato un urlo di liberazione al mondo imitando la sua forza. Ho gridato con i pugni chiusi senza paura, senza blocchi, senza limiti. Ho alzato le braccia al cielo, non avevo protezioni, ero scoperta e al suo servizio.

Quell’urlo mi ha liberato i polmoni, sciolto le emozioni, per un attimo ho sentito la testa girare e mi sono dovuta sedere.

image

Ero viva.

Ero piena di ossigeno o forse mancava del tutto…

…ma ero viva.

Erica, anzi Atmosferica.

4 commenti su “Ero viva.”

  1. Scrivere sempre, con regolarità, non solo per se stessi ma anche per gli altri, non solo quando si sta male, ma semplicemente quando si sta. Mi piace.
    Ti mando un abbraccio, dal mio lettone, con la gatta sulla pancia.

  2. Ancora una volta un’esplosione di emozioni…altro che’ se sei viva, la tua essenza si sprigiona da tutti i tuoi pori
    Un abbraccio tesoro ♡

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *