Associazioni Libere.

Oggi mi voglio psicanalizzare con il metodo delle Associazioni Libere. Lo conoscete? È stato Freud a descrivere questa teoria, secondo cui, la Libera Associazione consiste nell’esprimere ogni concetto, ricordo, pensiero che passa per la mente, senza comandarlo, senza direzionarlo. Questo metodo suggerito dal caro e vecchio filosofo, l’ho sempre applicato e trovato utile, nei momenti in cui la testa scoppiava, la stanchezza mi indeboliva o la rabbia mi accecava.

Intendo così oggi, rendervi partecipi della mia auto-analisi. Potrei andare per punti perché sicuramente non seguirò un filo logico.

Insomma, proviamo:

  • Sono appena tornata da una mattinata di lavoro. Mi sono improvvisata postina pedonale e ho macinato 22.88 chilometri. Il cielo azzurro e il silenzio che mi avvolgevano tra quelle isolate vie residenziali, mi sono serviti. Mi hanno fatto del bene. Ad un certo punto il dolore delle vesciche faceva rumore, il nervoso mi metteva ombra e sono arrivata a casa infastidita e stanca.
  • Stamattina alle sette e trenta, ho ricevuto una videochiamata da casa. La mia famiglia era al completo per festeggiare il compleanno di Elena, le zie mi mandavano baci e mi salutavano quasi impacciate. Si sa, sono quelli i momenti in cui vorresti dire tante cose ma ne dici mezza. Mi sono sentita lì, nel salotto di casa mia, con tutti loro a cantare “Tanti Auguri” alla mia amata sorella diciassettenne. È stato bello, un buon inizio di giornata.
  • Per la prima volta oggi ho preso i mezzi. Un treno stamattina e un bus oggi pomeriggio. Sono efficienti, puliti e puntuali. Grazie all’applicazione che ho scaricato sul telefono (Opal Travel), è possibile calcolare il tempo del percorso e le diverse opzioni. Ottimo! Ora posso iniziare a spaziare con tranquillità. Andrò dove mi porta il cuore!
  • Dopo quattro giorni di pioggia e freddo, a Sydney è tornato il sole. Un’altra luce riscalda la città e il mio umore ne risente assolutamente. E parecchio!
  • In questi giorni mi capita di fare pensieri brutti. Proprio brutti. Chiedo continuamente alla mamma se va tutto bene, se stanno tutti bene. Mi travolgono ansiose paure e non riesco a capire per quale motivo. Tutta la mia famiglia deve essere in splendida forma. Questo è poco ma sicuro. Chiaro?
  • Ieri sera, la brutta notizia dell’attentato a Bruxelles mi ha scosso terribilmente. Il pensiero è andato subito alla mia amica Francesca la quale sarebbe potuta essere lì per lavoro. Il cuore ha iniziato a battere forte e come al solito, il senso di lontananza e impotenza mi ha travolta. Fortunatamente lei ha avuto la prontezza di rispondere al mio messaggio, altrimenti sarei sprofondata in mille cattivi pensieri. Mi chiedo se arriverà mai il giorno in cui “umanità” sarà sinonimo di “unione”. Arriverà mai? Vorrei che le persone che decidono di farsi esplodere tra la folla o peggio ancora, piazzano bombe all’orario di punta, capiscano il significato della vita, del dono. Troppi casi di orribile egoismo stanno uccidendo il mondo e avere queste notizie da Casa, dall’Europa, mi fa tremare.
  • Più tardi andrò a sciogliere le gambe affaticate nella piscina del palazzo. Siamo super attrezzati qui. Al piano terra, se sei munito di chiave magnetica, puoi usufruire di piscina, sauna e accedere alla palestra discretamente attrezzata. WOW!
  • Oltre all’inglese inizio a capire francese e portoghese. Questi matti coinquilini, non si stanno sforzando molto di parlare in una lingua comune a tutti e questa sarà la mia prossima segnalazione al gruppo. Pauline, si interessa molto a me e le piace parlarmi. Sono contenta di riuscire a creare il nostro momento giornaliero per dialogare anche solo cinque minuti. Lei ha un inglese molto francese, ma è quello il bello no?
  • Questa cosa delle Associazioni Libere, è stata un’idea fantastica. Ecco i principali pensieri che frullano nella mia testolina e buttando fuori tutto, mi sento molto più leggera. Quasi leggerissima!
  • Volevo dirvi anche che l’idea del rientro in Italia, inizia a prendere forma. Prima però, farò una tappa. (Sorpresa). Sto progettando e pianificando le mie partenze e i miei arrivi. Sto cercando di non pensare troppo, però, alla partenza più importante di tutte. Il ritorno è la vera sfida. La vita. La vita vera. Dovrò inventarmi e reinventarmi, sfondare muri, bussare a porte chiuse e sarà quello il momento decisivo. Sarà quella la vera partenza. Sarà difficile ma possibile.

🙂

Quanto sono leggera!

Vi sentite pesanti, confusi, indecisi, irritati, insofferenti?

Prendete una penna e scrivete. Se preferite parlare, parlate! Fate ordine nei pensieri, cercate cause e conseguenze, non tenete tutto dentro e non trascurate ciò che ormai è parte di voi e delle vostre emozioni. La scelta di trattenere, potrebbe essere distruttiva e potrebbe implodere in un grande vuoto incolmabile.

Forza! Liberatevi!

Erica, anzi Atmosferica.

 

2 pensieri su “Associazioni Libere.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *