Il riscontro nell’incontro.

Finalmente riesco a ritagliare due ore piene di pensieri e parole, per scriverti e vuotare il sacco. Ultimamente arrivo sempre all’orlo. Dopo qualche giorno di silenzio, sento forte il bisogno di sfogarmi e gettare in parole tutto quello che frulla instancabile nella mia testa.
È una sensazione strana che solo chi ama scrivere può capire. Mi accorgo di avere questo bisogno quando, chiudendo gli occhi per un breve riposo dopo il lavoro, la mia anima inizia a parlare come se dovesse scrivere. Come se dovesse raccontare.

È proprio in quel momento che non la voglio zittire e inizio a scrivere come una diligente studentessa che non vuole perdersi una singola parola del professore. Scrivo tutto.

Sono giorni intensi come i miei pensieri e solo scrivendo quel che dice quella voce, posso fare ordine e tornare a vedere tutto con più chiarezza e calma. Si tratta di smistare ciò che è importante da ciò che occupa la mente solo perché non ha altro posto in cui stare. Una sorta di raccolta differenziata dei pensieri, una cura per l’anima, la soluzione ideale ad ogni stato di leggera confusione.

L’ultima settimana di lavoro sta fluendo veloce e malinconica. Sono molto dispiaciuta al pensiero di non rivedere più questa piccola famiglia che mi ha accolta e capita. D’altro canto però, sono adrenalinica e piena di motivazione all’idea di altre avventure e scoperte che mi aspettano.

Non voglio anticiparti molto perché sarà bello farti delle sorprese e portati in luoghi che non immagineresti. Ho voglia di farti viaggiare insieme a me, tu hai gli occhi bendati e solo al momento opportuno vedrai quanta bellezza sarà attorno a te. Solo lì potrai vedere.
Quando lo decido io.

Ci stai?

Sono emozionata. Ho una tremenda voglia di vivere ogni secondo delle mie giornate intensamente anche se, spesso, sento il mio fisico chiedere aiuto. Sono sempre troppo energica e anche nel contatto con le persone mi piace dare il massimo, amo entrare nella testa di chi ho davanti e regalare ciò che sento chiedere dalla connessione.

Mi è capitato soprattutto oggi di ricevere riscontri positivi, un cliente e un collega mi hanno colpita regalandomi due simpatiche ma molto vere affermazioni.

 Un signorotto serio e barbuto, avvocato e cliente abituale, mi ha fatto un sorriso per la prima volta. Ho come avuto la conferma che mi avesse capita, dopo tempo. È da più di due mesi che ordina sempre al tavolo 9, è uno di quei clienti che potrebbe dire…

“Il solito grazie!”

…ma non lo dice, giusto per rimanere tenebroso e poco prevedibile.

…ma tu comunque già lo sai…

Un flat white e pane tostato senza glutine con burro e vegemite.

Ogni volta mi ha ringraziato ma senza guardare mai i miei occhi. Bene, nonostante ciò, io l’ho sempre servito con il sorriso come a sfidarlo, come a dire…
…”Prima o poi mi sorriderai anche tu!”
Dopo ripetuti e gelidi “Thank you.”, oggi la svolta.
Mi ha guardata e mi ha detto:
“Thank you funny girl!”

🙂

Mi ha ringraziato dicendomi che sono una ragazza divertente. Sorrideva. Mi ha guardata dritta dritta negli occhi. Ho visto il suo sorriso farsi spazio tra i folti baffi ed è stato come vedere una lampadina in una stanza buia. Una candela accesa. Ho subìto attivamente il suo sguardo e mi ha comunicato altro oltre a quelle quattro parole.
Beh, una grande soddisfazione.
È proprio vero che a volte basta poco per essere felici. Mi ha fatto capire di aver accettato con piacere il mio regalo, i miei regali giornalieri.

Mi ha colpito anche la frase di Beppe, un ragazzo russo che lavora con noi da pochi giorni. Gli è bastato un niente per captare la mia essenza e decifrare il mio carattere.
Oggi mi ha fatto riflettere.

“You have a great personality. You are going to be a good woman, a good wife and a good mother.”

My God Beppe! Thank you!

Mi sono sentita apprezzata per quello che sono e per quello che vorrei essere. Per ciò che SOGNO di essere.
In pochi giorni ha visto in me la determinazione di una donna, la giusta personalità per essere una brava moglie e l’amorevolezza che potrei regalare da madre.
Non potevo ricevere complimento più bello e penso che lui l’abbia capito dal mio silenzio sfociato in un sorriso.

Sono tremendamente felice di questi piccoli riscontri che sto avendo. Sento di vivere intensamente questi ultimi giorni, non mi perdo nemmeno un secondo, uno sguardo, un sorriso, una parola che potrebbe cambiarmi la giornata.

Spero di essere riuscita a spiegarti la sensazione di pienezza che sta colmando la mia quotidianità in ogni piccola azione e attenzione. Tutta questa intensità si traduce in mancanza di tempo per te e a volte anche per me.
Ho le occhiaie.

Il freddo a Sydney è arrivato, la mattina un vento gelido e tagliente ti punta dritto dritto negli occhi. Nonostante ciò sento il cuore caldo e pronto, aperto e libero.
Te lo sto spiegando a parole mie, ma dovrei dirlo a parole sue.

Ssshhh. Silenzio.

Perché a noi il freddo non fa paura.

Erica, anzi Atmosferica.

Sorry but…I’m leaving.

Ho appena comunicato al lavoro che tra tre settimane lascerò l’Australia. Ho bisogno di scrivere perché sento il cuore esplodere. Ultimamente mi sento in famiglia. Hai presente quel gruppo ristretto di persone da cui ti senti capita e un po’ coccolata quando tutto il resto manca? Ecco, loro per me sono questo. Una boccata di ossigeno, una battuta divertente, un insegnamento e un posto sicuro in cui stare.

Non so con quale forza io sia riuscita a dire: “I’m leaving Australia in three weeks.”

Cuore in gola.

Mi si è gelato il sangue quando ho sentito uscire dalla mia bocca queste poche parole. Ho sentito un nodo nello stomaco e le guance rosse. La vocina interiore tifava per me e per la sincerità prima di ogni cosa, io la ascoltavo e mi lasciavo caricare dalla sua energia. Io in quel momento non ne avevo molta.

Mi sento così anche ora che sono a casa, sul mio letto. Il piano di sotto del letto a castello. Sono senza forze.
Quando certi pensieri escono fuori attraverso la voce, quando un segreto viene confidato, quando ciò che sembra assillare la mente viene liberato, allora è lì che scatta la Vera Consapevolezza.
L’ordine.
La Verità.

Luce ma soprattutto Leggerezza.

Ho visto negli occhi di Dario, il manager francese, una specie di delusione. L’espressione del suo viso ha incassato una brutta notizia, una di quelle che non si sarebbe aspettato nel breve termine. Sono certa che stia provando dispiacere perché so di aver regalato allegria e risate contagiose, ho dimostrato senso di responsabilità e fatto capire che di me ci si può fidare.

È proprio vero che quando sai di aver imparato abbastanza bene ciò che devi fare, te ne devi andare. È quando ti senti voluta bene che devi partire. Questa è la vita, questa è l’Australia. È vero, non è che DEVI fare tutto ciò ma Lei ti fa capire che VUOI.
Una terra tanto grande che non ti lascia molto tempo. Ti dà delle scadenze. Ti fa crescere in fretta ma poi ti trascina via verso altri obiettivi, verso altre mete, altre temperature, altri paesaggi e altre persone. Ti spinge verso un’altra strada. L’ennesima.

È stato bello capitare al “Table Sixty”, è stato divertente condividere bicchieri rotti e sguardi complici. Il destino mi ha portato lì ed è stato bello ringraziare la vita perché mi sono sentita ascoltata e accontentata un’altra volta.
Chiedi a lei e lei ti darà.
Quanto è vero.

Lo so, sto parlando come se dovessi andare via domani ma mi sento così. Sento la fine vicina e voglio dare al mio team di lavoro il merito di essere stato la parte più divertente e stimolante della mia permanenza a Sydney.

I giorni qui saranno ancora tanti. C’è ancora Maggio da finire e Giugno da cominciare. Questa settimana sarà piena di botte emozionali da non sottovalutare, appunto per questo dovevo liberarmi oggi di questo peso.

Non rimandare a domani quel che puoi fare oggi…per sentirti meglio, aggiungerei.

Il mio lavoro a Sydney.

Lo ricorderò per tutta la vita.

La mia testa frulla senza sosta e il cuore batte forte. Oggi mi sento di nuovo in trasformazione, cambiamento, viaggio. La mente non si ferma e le domande sono tante, troppe! Lavorerò al coffee-bar fino al 27 Maggio e mi terrò gli ultimi giorni prima della partenza per mettere a fuoco la mia prossima avventura. Dovrò avere tempo per i saluti, i pianti e i bagagli.

Non è mica finita qui.

No, non ti anticipo niente. Ho già detto molto.

No.

Pretendi troppo.

Smettila.

Trattieni le tue curiosità.

Ad ogni modo sono convinta che il grande manager dal grande cuore sia felice per me. Oltre che dispiaciuto.
Sono certa che domani avrà già un’altra faccia.

Felice.

Spero.

Deve!

Sarà contento di vedermi tornare a volare.

Io adesso mi sento fatta per questo e lui lo deve capire.

Erica, anzi Atmosferica.

Troppi nomi?

Ciao!
Come prosegue questo martedì pomeriggio?
Io l’ho dedicato al relax, totale pace.

Continuo a parlare con te Eliana Amore Mio e oggi mi viene da risponderti alle domande riguardanti il lavoro. Tutto prosegue alla grande e ormai sto lavorando da quasi tre settimane.
Vola il tempo eh?
Ogni giorno mi ritrovo dietro al bancone di un bar, tra le mani pane bianco, ai cinque semi, pane turco e senza glutine, avocado, sandwich di ogni genere e poi ancora, burro, burro d’arachidi, marmellata e confettura.

Qui fanno una colazione davvero tosta sai?
Si dice che il pasto più importante sia il primo della giornata e devo dire che per gli australiani è vero più che mai.
Un caffè take-away è sempre accompagnato da un toast con burro e marmellata, burro e vegemite (una sostanza spalmabili nera e pastosa ricca di vitamine e fibre), burro e burro d’arachidi.
Burro, burro, burro e aiuto quanto burro.
C’è invece chi inizia la giornata con un caffè e un panino farcito di uova, bacon e ketchup, prosciutto, pomodoro e formaggio, altri che prendono posto e ordinano un piatto completo di verdure, pane tostato, uovo, funghi, bacon, avocado…

Sono piatti molto invitanti e presentati in modo raffinato ed elegante ma non ho ancora avuto la fame adatta per provarli.
Prima di andare via da qui, ti prometto che premediterò un mezzo digiuno il giorno prima e mi sfamerò la mattina seguente con uno di questi piattazzi pazzeschi tanto belli quanto calorici che qui vanno di moda ovunque.
Saranno anche buoni?
Ti saprò dire!
Sicuramente sono molto colorati.

Dicevo che va tutto liscio, mi sto integrando sempre più in un team già formato e unito mantenendo, però, un professionale rapporto di solo lavoro. Il manager francese, mi fa sorridere spesso con qualche battuta in italiano.
Ad una mia domanda è capace di rispondere:
“Lasciatemi cantare con la chitarra in mano…”
Totalmente disconnessa dal discorso ma estremamente esilarante. L’accento francese in tutto ciò, è la ciliegina sulla torta.
La risata scatta spontanea e il clima lavorativo risente di questa leggerezza.
La ragazza colombiana che sta in cassa, mi ha preso in simpatia. Interviene spesso anche lei con esclamazioni del tipo:
“Erica…què pasa!?”
…Oppure le piace “spagnolizzare” il mio nome chiamandomi…
“Erica Fernanda Maria”

Ma si può?
🙂
…e anche lì, il suo accento latino è ineguagliabile e quelle battute personalizzate, mi fanno molto piacere.
Arriviamo a Travers, australiano d’hoc originario di Melbourne. Mannaggia parla un inglese assurdo. Ora però, lo capisco di più, i suoni che escono dalla sua bocca sono sempre più famigliari e comprensibili. Se mi capita di sbagliare qualcosa, eccolo pronto con il suo “It’s all right!”…che mitiga ogni grado di tensione.
Un altro modo che ha per farti capire di prenderla alla leggera è:
“Don’t worry, you’re right”, tradotto letteralmente…“Non preoccuparti, sei giusto!”.
🙂
Quando invece rimane stupito piacevolmente, scatta l’esclamazione…
“Wow! You’re a superstar!”

Ahahahaha!

Arriviamo a Damien che si affianca a Travers alla macchina dei caffè. È bello guardarli lavorare, sembrano due acrobati e fanno molta scena. Sono una coppia funzionante. Sicuramente.
Damien è irlandese, occhio azzurro e capello rossiccio/biondiccio/coloreindefinito.
Anche lui mi fa sentire a casa e quando mi lancia una battutina simpatica, mi dice:
“No, you can’t laugh!”, tradotto…“No, tu non puoi ridere!”.

Ahahahaha!

🙂

Arriviamo alla mitica Sarah. Anche con lei mi trovo molto bene, nei piccoli momenti di break scambiamo due parole e ci intendiamo anche con gli sguardi. Dopo mezzogiorno mi affianco a lei nella parte esterna dove una ventina di tavolini tondi in legno accolgono lavoratori in giacca e cravatta nella loro pausa o in occasione di veri e propri appuntamenti di lavoro.
Compostezza e serietà, attenzione e ordine, educazione e disponibilità, sguardo sempre pronto e sorriso accogliente.
Il manager questa settimana ha aggiunto qualche ora in più nel mio orario, venerdì Sarah andrà via prima di me e dovrò gestire da sola i tavoli.

Qua si fanno progressi.

Ti confesso una cosa. Sono un po’ stufa di fare la cameriera.
🙁
Come sai, già in Italia ho lavorato nella ristorazione durante il liceo e il periodo universitario. Sto cercando di vivere questa ennesima esperienza nel settore come fosse una scuola, capto ogni parola e ogni modo di dire. Conosco nuove persone e una nuova cultura, se di cultura possiamo parlare.
La colazione australiana è ormai per me una normalità e non mi stupisce più vedere quel che mangiano, burro ovunque e tazze di caffè che sono il triplo di un nostro cappuccino.
Però sì, mi sento una donnina ormai.
Vorrei realizzare i miei sogni.

Sai che hanno un sacco di tipi di caffè?
Il nome varia a seconda che ci sia cacao o meno, oppure che sia in tazza o in vetro.
Un sacco di nomi.
Ne vuoi sapere qualcuno?

Allora:
Flat White: è il corrispondente del nostro cappuccino, la tazza è un po’ più piccola ma è identico. Se il cliente dovesse volere la misura più grande, deve ordinarlo “Large”.
Cappuccino: è il corrispondente del nostro cappuccino ma CON CACAO.
Sì esatto, loro hanno due nomi per per lo stesso prodotto con o senza cacao.

Noi la facciamo breve:
“Un cappuccino grazie!”

“Con cacao o senza cacao?”

Fine del cinema!

Latte: è il cappuccino senza cacao ma nel bicchiere di vetro.
Mocha: è il cappuccino CON CACAO in vetro.

Per noi il cappuccino è uno ed inequivocabile. Sì, ci sono sempre delle varianti, ma noi abbiamo una tradizione culturale notevole racchiusa nel nome “CAPPUCCINO”.

🙂

Insomma. Non sto ad elencarti tutti i tipi di caffè perché avrai capito che ci sono troppe varianti.
Solo ora li ho imparati bene!
Una faticaccia!

Poi non dimentichiamo che ognuno può essere “Regular”, “Skim” o “Soy”.
Nel secondo caso, il cliente vuole il latte parzialmente scremato e nel terzo il latte di soia.

Ti sta scoppiando la testa?

Forse ti conviene rileggere e fare uno schemino, una tabella a doppia entrata. Non so, evidenzia le parole importanti!
Ultimamente ragiono in modo molto schematico. Lo so. Scusa.

🙂

Non ti ho parlato del “Take-away” e del “Dine-in”, ma credo che con il tuo inglese supersonico tu possa a immaginare di che si tratta.

Ci risentiamo domani con nuove risposte alle tue domande?
Intanto ti saluto con questo bel tramonto dal balcone di casa.

Stasera cielo rosa.
Non poteva che essere per te e tu sai bene perché.

Sei sempre con me.

Erica, la tua sorellona.

Quella volta, mi premiò.

Hai sentito la mia mancanza ieri?

🙂

Devi scusarmi ma, appena uscita dal lavoro, era troppa la voglia di passeggiare per la città, tenere quel momento di sole solo mio, senza pensare a niente e nessuno. Avevo voglia di dedicare del tempo a me stessa e di fare quel che mi sentivo.

La promessa che mi sono fatta quando ho deciso di iniziare a scrivere, è stata una.

Essere sempre vera.

Sarebbe stato semplice buttare giù qualche riga ieri sera, una volta tornata a casa ma non ci avrei messo la concentrazione giusta e non ti avrei dato l’attenzione che meriti.

Dunque. Cheddire.
Il lavoro prosegue alla grande, ormai ho i miei orari e i miei impegni. Mi sto ambientando, sto prendendo manualità e mi sento sempre più leggera nel mantenere concentrazione. Capirai bene che i primi giorni sono sempre i più duri. Ho voluto assorbire come una spugna ogni insegnamento, critica, sguardo e battuta simpatica. I miei colleghi di lavoro sono molto amichevoli e solari ma, quando si tratta di lavorare, la serietà viene prima di tutto e ognuno di loro pretende e necessita di trovare in me un appoggio, una spalla.
Appurato ciò, basta agire di conseguenza.
Mi presento dieci minuti in anticipo ogni mattina (ore 6:50), preparo la mia postazione, mi assicuro che non manchi niente e alle 7:00 sono operativa al mille per mille.

Tra un toast e l’altro, tra una canzone canticchiata silenziosamente e uno scambio di risate, la mattinata passa e le ore di lavoro filano lisce. Molti sono i momenti di pienone in cui i lavoratori fanno la pausa caffè o passano per uno spuntino a metà mattina.
La clientela è seria e sofisticata, pretende un servizio di un certo tipo e a volte anche personalizzato.

Oggi Paola, la mia collega colombiana che lavora lì già da tempo, mi ha detto che piano piano dovrò acquisire dimestichezza con il menù e le varie tipologie di caffè in modo da essere in grado poi, di prendere anche gli ordini.

Nei prossimi giorni, quindi, “la ragazza dei toast” si improvviserà anche “cameriera”.

Oggi ho pensato a una cosa.
Sto riuscendo in ogni circostanza, a mantenere l’umiltà di chi vuole imparare. Questo paga sempre. Quando mi spiegano cose che non so, ascolto con attenzione e dimostro di mettere in pratica l’insegnamento alla prima occasione. Quando però, mi danno istruzioni su cose che già so fare, dentro di me penso…

“Senti, questo non me lo devi insegnare, già lo so!”

…Ma ovviamente non lo do a vedere!
🙂
Grande sorriso e “Sì” con la testa.
Grande sorriso e “Sì” con la testa.
E poi ancora…
Sorriso e “Sì” con la testa.

AHAHAHAHA

Eggià. Il modo migliore per essere accettati e ben accolti dai colleghi, in un nuovo posto di lavoro, è dimostrare voglia di imparare e consapevolezza di essere gli “ultimi arrivati”.
Se anche ciò che ti spiegano lo sai già, ascolta con attenzione ugualmente.
Quella persona potrebbe vedere del buono in te, potrebbe voler guarire le tue insicurezze, vorrebbe magari farti sentire a casa e non immaginerebbe mai che quella cosa te l’hanno già spiegata TRECENTO volte in TRECENTO ristoranti diversi.

Ci sono volte in cui, capisci di doverti attenere ad un modo di lavorare diverso da quello che hai sempre messo in pratica e considerato giusto. Potrebbero averti insegnato che i bicchieri si asciugano in quel modo, e invece…ora ti dicono che quel modo è sbagliato.
Potrebbero averti insegnato che i clienti si accolgono in una certa maniera, e invece…ora ti mostrano che il cliente si accoglie diversamente.
In un ambiente di lavoro ogni singola azione è studiata, soprattutto quando gli spazi sono piccoli e a vista. La pulizia è la prima cosa, l’ordine, la divisione dei compiti, la precisione, la delicatezza e il buon senso. Poi vengono il sorriso e la motivazione, la voglia di fare e di migliorare, l’umiltà di voler imparare anche se non si tratta del lavoro della vita.

Voglio sfruttare al massimo il periodo che mi rimane da vivere in questa città, voglio sentirmi a casa anche se sono di passaggio e voglio imparare, nonostante le mie aspirazioni lavorative siano rivolte verso altri campi.
Questo è il mio momento, questa è la mia Sydney e quando racconterò la mia esperienza, ricorderò che quella volta il manager mi fece i complimenti per come avevo lavorato.

Ricorderò che per farmi andare a casa felice, mi premiò a fine giornata con un croissant farcito con nutella e mandorle.

Erica, anzi Atmosferica.

Cronache di una domenica australiana.

Buongiorno!!

Ti scrivo dal primo pomeriggio di una domenica australiana.
Da pochi giorni mi sono trasferita al piano di sotto del letto a castello e mai come nelle ultime notti, mi sono fatta un paio di dormite pazzesche. Qui sotto ho la possibilità di creare una sorta di capanna, utilizzando coperte, per ripararmi dalla forte luce della mattina. Non esistono tapparelle e quando inizia a farsi giorno, gli occhi si strizzano come spugne. Ho iniziato a utilizzare la spiritosa mascherina per la notte che mi aveva simpaticamente regalato Jason al mio compleanno.
Che invenzione favolosa.
Che regalo intelligente.
Caro Jason.
Ora sono riparata e mi posso svegliare quando voglio o quando la sveglia suona ma non di certo per la luce chiara e fastidiosa.
Sarà stranissimo, un giorno, tornare a dormire al buio.
Buio totale.
Magari avrò paura.
🙂

Ah…
Lo sai che stanotte abbiamo spostato l’orologio un’ora indietro?
In pochi giorni siamo passati dalle dieci, alle otto ore di fuso. Questo mi piace. Dieci ore di differenza erano davvero tragiche per me, il giorno e la notte erano esattamente invertiti e per comunicare con chiunque, dovevo aspettare l’ora di pranzo italiana, nonché le undici di sera, mezzanotte.
Una tragedia!

Da domani inizierò a lavorare regolarmente. Ricoprirò ufficialmente i turni della ragazza cilena che è ripartita per il proseguo del suo viaggio. C’è chi si ferma e c’è chi riparte.
Sempre di viaggio si tratta.
Io sono proprio contenta di lavorare in quel Coffee Bar dall’atmosfera giovanile e musicale. Mi sento bene. Inizierò la mattina alle sette e concluderò il mio turno verso le due del pomeriggio. Un orario ottimo che mi permetterà di mantenere le mie abitudini, gli spazi per le mie scritture e avrò tutto il pomeriggio per fare la turista, la spesa, una passeggiata o un aperitivo.

Ieri sera sono uscita a divertirmi con i miei coinquilini. Due francesi, due colombiane e due brasiliani. Ho ballato, parlato, socializzato, ho passato una bella serata spensierata.
Stanotte ho sognato in inglese.
Oh Oh
Dicono che quando succede, significa che la lingua inizia ad ingranare, speriamo! Non ti parlo del contenuto del sogno perché ancora lo devo analizzare, ma comunque ricordo perfettamente che ero madrelingua inglese.
🙂

Sotto casa un ponte pedonale collega le due rive della baia. Quando barche troppo grandi devono accedere al piccolo golfo, la parte centrale del ponte si snoda ruotando su se stessa e apre un varco per permettere il loro ingresso. Il flusso dei passanti viene bloccato per qualche minuto da transenne, un po’ come accade al passaggio di un treno quando le rotaie tagliano la strada.
Semaforo rosso.
Pazienza.
Meglio spegnere il motore.

Queste sono le dinamiche che seguo dal balcone di casa.
È divertente!

Ogni sabato sera alle 21 parte puntuale lo spettacolo pirotecnico. I fuochi d’artificio sparano colori e luci tra la baia e il ponte esplodendo in fontane di stelle cadenti, scoppiettanti salici in chiusura e pioggia bianca.
Che è?
È sempre festa per voi?
IMG_7033Quando esco per le mie passeggiate, mi piace attraversare il ponte a qualsiasi ora del giorno e della notte.
È sempre molto suggestivo.

Stava per farsi sera, il sole era basso e camminavo con la luce negli occhi. Non vedevo molto, ero come abbagliata. Dal Futuro. Le bandiere segnavano la strada ma per il resto, troppa luce!
IMG_6986.large

Allora, per riposare la vista mi sono girata, alle mie spalle era tutto chiaro, nitido e illuminato. Era bellissimo. Il Passato.
Lassù c’era anche casa mia.
IMG_6987.largeErica, anzi Atmosferica.

Ora posso cantare vittoria.

Ora posso cantare vittoria.

Negli ultimi giorni varie vicissitudini, mi hanno sballottata da una parte all’altra della città vedendomi protagonista di ben tre prove di lavoro in tre posti diversi.
Un cinema!
La contentezza e la sorpresa di ricevere una telefonata da un datore di lavoro che non sai se sarà il tuo, se sarà lui, tanti fattori che giocano nella maturazione della convinzione di voler davvero quel posto, di sentirti giusta per quel tipo di mansione, con quei colleghi e nuovi compagni di avventura.

Perché è così no?
Un ambiente in cui passerai gran parte delle tue giornate, deve piacerti e farti stare bene, deve metterti a tuo agio e trasmetterti energia positiva, deve vestirti, deve far uscire il tuo carattere e la tua migliore personalità. Deve rispecchiarti. Non ho mai sopportato situazioni di tensione, competizione o stress, è giusto andare al lavoro con il sorriso e svegliarsi carichi per affrontare l’ennesima giornata al servizio degli altri.

Ti avevo parlato di quel posticino che è proprio una “chicca”.
Beh, dopo una prova di tre ore, il gestore mi aveva detto che sarei stata confermata per tre giorni a settimana. Al momento avevo accettato, ero arrivata da pochissimo e non avevo altre alternative.
Ora, dopo una settimana movimentata e decisiva, in cui le vacanze di Pasqua hanno messo in pausa anche quell’attività, mi trovo a dover dire “No” al piccolo bar gestito dai due giovani ragazzi italiani.

Il destino e tutto ciò che accade sempre per un motivo, mi hanno fatto incontrare Antonio. Ricordi? Lui mi ha indirizzato in un paio di zone della città dove avrei potuto sentirmi a mio agio in ristoranti dal profilo semplice e non troppo sofisticato come quelli di Darling Harbour o Elisabeth Quay. È proprio da quelle parti che la Pizzeria Via Napoli, ha attirato la mia attenzione. Una prova di un paio d’ore anche lì, è andata bene. Colleghi connazionali, un solo ragazzo inglese e per il resto un ambiente molto veloce, dinamico, pieno di gente, italiano fino al midollo e molto solare. Mi piaceva ma non abbastanza.

L’idea di lavorare in un ristorante italiano, iniziava a pesarmi ancora prima di vederla realizzata pienamente. Il mio sesto senso quel giorno mi aveva fatto entrare lì perché avevo bisogno di calore, dialetto meridionale e aria di casa. Dopo la prova, sono tornata ad aver bisogno di sfida, situazioni straniere, stimolanti e meno coccolose.

È così che Antonio, sempre lui, mi dice che al bar dove lavora una sua amica, stanno cercando personale. Questa sarebbe stata la soluzione ideale. Lavorare la mattina presto, per le colazioni, tra irlandesi, cileni, colombiani, tedeschi e australiani, dietro a un banco e non correndo tra tavoli e pizze troppo calde.
La prova al Table Sixty, è stata quella decisiva.
Si trova dietro a casa mia in Carrington Street, tre minuti a piedi, il bar fa parte di un elegante ristorante che occupa il piano terra di un edificio centrale. Lì fuori tante sono le fermate dei bus ed è per tanti un punto di passaggio prima di entrare in ufficio.

Finalmente non ho più pensieri preoccupati, da domani lavorerò dal lunedì al venerdì, il locale è chiuso nel weekend.
Ogni giorno mi sono chiesta tempo, il lavoro che cercavo sarebbe arrivato e anche se si tratta di un breve periodo, lo meritavo.

Io sono la ragazza dei toast e sto tirando un enorme sospiro di sollievo.
Questo era il cielo alle sette meno un quarto, stamattina, appena uscita di casa. Un raggio di luce, un alberello autunnale e tanta, tanta, voglia di lavorare.

Erica, anzi Atmosferica.

Associazioni Libere.

Oggi mi voglio psicanalizzare con il metodo delle Associazioni Libere. Lo conoscete? È stato Freud a descrivere questa teoria, secondo cui, la Libera Associazione consiste nell’esprimere ogni concetto, ricordo, pensiero che passa per la mente, senza comandarlo, senza direzionarlo. Questo metodo suggerito dal caro e vecchio filosofo, l’ho sempre applicato e trovato utile, nei momenti in cui la testa scoppiava, la stanchezza mi indeboliva o la rabbia mi accecava.

Intendo così oggi, rendervi partecipi della mia auto-analisi. Potrei andare per punti perché sicuramente non seguirò un filo logico.

Insomma, proviamo:

  • Sono appena tornata da una mattinata di lavoro. Mi sono improvvisata postina pedonale e ho macinato 22.88 chilometri. Il cielo azzurro e il silenzio che mi avvolgevano tra quelle isolate vie residenziali, mi sono serviti. Mi hanno fatto del bene. Ad un certo punto il dolore delle vesciche faceva rumore, il nervoso mi metteva ombra e sono arrivata a casa infastidita e stanca.
  • Stamattina alle sette e trenta, ho ricevuto una videochiamata da casa. La mia famiglia era al completo per festeggiare il compleanno di Elena, le zie mi mandavano baci e mi salutavano quasi impacciate. Si sa, sono quelli i momenti in cui vorresti dire tante cose ma ne dici mezza. Mi sono sentita lì, nel salotto di casa mia, con tutti loro a cantare “Tanti Auguri” alla mia amata sorella diciassettenne. È stato bello, un buon inizio di giornata.
  • Per la prima volta oggi ho preso i mezzi. Un treno stamattina e un bus oggi pomeriggio. Sono efficienti, puliti e puntuali. Grazie all’applicazione che ho scaricato sul telefono (Opal Travel), è possibile calcolare il tempo del percorso e le diverse opzioni. Ottimo! Ora posso iniziare a spaziare con tranquillità. Andrò dove mi porta il cuore!
  • Dopo quattro giorni di pioggia e freddo, a Sydney è tornato il sole. Un’altra luce riscalda la città e il mio umore ne risente assolutamente. E parecchio!
  • In questi giorni mi capita di fare pensieri brutti. Proprio brutti. Chiedo continuamente alla mamma se va tutto bene, se stanno tutti bene. Mi travolgono ansiose paure e non riesco a capire per quale motivo. Tutta la mia famiglia deve essere in splendida forma. Questo è poco ma sicuro. Chiaro?
  • Ieri sera, la brutta notizia dell’attentato a Bruxelles mi ha scosso terribilmente. Il pensiero è andato subito alla mia amica Francesca la quale sarebbe potuta essere lì per lavoro. Il cuore ha iniziato a battere forte e come al solito, il senso di lontananza e impotenza mi ha travolta. Fortunatamente lei ha avuto la prontezza di rispondere al mio messaggio, altrimenti sarei sprofondata in mille cattivi pensieri. Mi chiedo se arriverà mai il giorno in cui “umanità” sarà sinonimo di “unione”. Arriverà mai? Vorrei che le persone che decidono di farsi esplodere tra la folla o peggio ancora, piazzano bombe all’orario di punta, capiscano il significato della vita, del dono. Troppi casi di orribile egoismo stanno uccidendo il mondo e avere queste notizie da Casa, dall’Europa, mi fa tremare.
  • Più tardi andrò a sciogliere le gambe affaticate nella piscina del palazzo. Siamo super attrezzati qui. Al piano terra, se sei munito di chiave magnetica, puoi usufruire di piscina, sauna e accedere alla palestra discretamente attrezzata. WOW!
  • Oltre all’inglese inizio a capire francese e portoghese. Questi matti coinquilini, non si stanno sforzando molto di parlare in una lingua comune a tutti e questa sarà la mia prossima segnalazione al gruppo. Pauline, si interessa molto a me e le piace parlarmi. Sono contenta di riuscire a creare il nostro momento giornaliero per dialogare anche solo cinque minuti. Lei ha un inglese molto francese, ma è quello il bello no?
  • Questa cosa delle Associazioni Libere, è stata un’idea fantastica. Ecco i principali pensieri che frullano nella mia testolina e buttando fuori tutto, mi sento molto più leggera. Quasi leggerissima!
  • Volevo dirvi anche che l’idea del rientro in Italia, inizia a prendere forma. Prima però, farò una tappa. (Sorpresa). Sto progettando e pianificando le mie partenze e i miei arrivi. Sto cercando di non pensare troppo, però, alla partenza più importante di tutte. Il ritorno è la vera sfida. La vita. La vita vera. Dovrò inventarmi e reinventarmi, sfondare muri, bussare a porte chiuse e sarà quello il momento decisivo. Sarà quella la vera partenza. Sarà difficile ma possibile.

🙂

Quanto sono leggera!

Vi sentite pesanti, confusi, indecisi, irritati, insofferenti?

Prendete una penna e scrivete. Se preferite parlare, parlate! Fate ordine nei pensieri, cercate cause e conseguenze, non tenete tutto dentro e non trascurate ciò che ormai è parte di voi e delle vostre emozioni. La scelta di trattenere, potrebbe essere distruttiva e potrebbe implodere in un grande vuoto incolmabile.

Forza! Liberatevi!

Erica, anzi Atmosferica.

 

“Quel posticino è proprio una chicca!”

Vi scrivo dal soggiorno di casa. La luce del sole entra dalle grandi vetrate e una musica portoghese crea atmosfera gioiosa. Come ogni giorno, verso le cinque del pomeriggio.

Della serie…”Toda Joia, Toda Beleza!”

🙂

Mi sento talmente bene in questo appartamento da non sentire il bisogno di isolarmi per scrivere. Spesso mi è successo prima di arrivare qui. Le parole delle persone coprivano le mie e i rumori distraevano il corso dei miei pensieri. Sarebbe inoltre impossibile erigere muri perché qui, sono tutti molto socievoli e coinvolgenti.

Dunque…

Posso rendervi partecipi del fatto che ho fatto una prova di lavoro stamattina. Oh yes. Tutto è nato da un annuncio e dalla prontezza di un’amica di Mattia nel comunicarmelo.

“Un piccolo bar nel quartiere di Glebe, cerca una cameriera!”

Benissimo.

Dopo tre minuti già ero al telefono con il gestore del locale il quale mi ha chiesto che tipo di esperienza avessi, quale fosse la mia disponibilità e quando sarei potuta passare per farmi conoscere. Mi sono così presentata ieri mattina presto perché alle nove sarei dovuta andare a seguire il corso per ottenere l’RSA (certificazione necessaria per lavorare nella ristorazione).

Quanti impegni!!

Ho raggiunto a piedi il locale distante più di due chilometri. Una bella camminata mattutina è stata un toccasana, ho attraversato fiumi e costeggiato parchi, ogni tanto mi giravo per vedere cosa lasciavo alle mie spalle e le ultime centinaia di metri ho faticato in salita. Fiatone!

Il piccolo bar è gestito da Lui e Lei, due ragazzi italiani immigrati in Australia. È una realtà molto familiare e qualcuno direbbe..

“Quel posticino è proprio una chicca!”

È curato nel dettaglio e offre pochi posti a sedere, regalando così una coccola a chiunque decida di entrare, solo o in compagnia. L’atmosfera è campagnola, floreale e colorata. Finestre finte sulle parenti interne, tavolini in legno e altri due più grandi e più particolari. Bello, davvero piacevole.

Beh, la prova è andata bene.

Sono felice di aver trovato lavoretto nel giro di pochi giorni anche se al momento si tratta di venti ore settimanali. Mi devo occupare del servizio, devo preparare piatti, centrifughe e drink, asciugare i bicchieri quando occorre e controllare che i tavoli siano puliti. Lì tutti fanno tutto, basta organizzare gli spazi e muoversi con ordine. Sono contenta e pronta, un lavoro non si rifiuta mai. Con la dovuta calma potrò portare il curriculum nelle zone che più mi invitano e sperare di trovare un full time, magari, un giorno. Oppure quel posto si rivelerà quello giusto per me, chi lo sà.

Come sapete, quando inizio ad avere desideri e idee concrete, inizio a chiamare, chiamare, chiamare le buone energie. Passeggiando per la città, inizio a identificare i posti in cui mi piacerebbe lavorare, mi metto nei panni delle cameriere che lavorano e osservo da lontano le dinamiche, le facce, i piatti, la location, il metodo…

Insomma. Tutto. Io vedo tutto.

Nulla mi sfugge cari miei.

A domani con altre novità! Intanto pensate intensamente al nostro amato Vando!

Molto intensamente!

Erica, anzi Atmosferica.

Canberra. Aiuto!

Allora…

…allora…

…come vi ho detto ieri, devo cercare di rimanere concentrata e centrata. Sono a Sydney, in poche ore la città mi ha letteralmente mangiata.

La prima impressione è questa. Sono arrivata nel pomeriggio ma è già sera, il tempo è volato. Devo rendermi conto da che parte sono girata, imparare i nomi delle vie, cercare una casa senza lasciarmi condizionare dalla fame di questa città. Vuole girarti, farti perdere concentrazione e il senso del tempo.

Non ce la farà amici.

Il mio livello di attenzione è stellare.

Facciamo un passo indietro.

Stamattina eravamo a Canberra. Un piccolo giro nella parte centrale della città, è bastato per percepirne la serietà. Edifici nuovissimi e moderni. Sembra che abbiano costruito tutto nello stesso giorno. Ieri.

In occasione del Canberra Day, molte persone saranno sicuramente andate a farsi un tuffo in mare. Era deserta. Non un bar aperto, non un negozio illuminato e non una persona per strada. Desolazione totale.

Abbiamo così optato per una bella visita guidata al Parlamento. Che ci vai a fare a Canberra se non per fare un bel tour gratuito nelle aule parlamentari con tanto di guida?
Un bel giro di perlustrazione di un paio d’ore, ha riempito la nostra mattinata. Il ragazzo australiano ci riempiva di informazioni e aneddoti che arrivavano alle nostre orecchie come fiumi in piena. Due grandi sale occupano le due ali dell’immenso candido edificio: “The House of Representatives” e “Senate”. Una verde e una rossa. Nuove, nuovissime.

image image image

Ho sorriso quando ci è stato spiegato che gran parte delle colonne sono costruite con marmo proveniente dall’Italia. La guida li ha nominati come Marmo di Carrara (bianco) e Marmo Cipollino (verde).

“Cipollino is a little onion.” ha esclamato sorridendo.

Tradotto, intendeva dire che “Cipollino” in italiano significa “piccola cipolla”.

E come dargli torto! 🙂

Bene! È stato molto interessante e ho sentito tutta la gioventù di questo paese, ho respirato aria di nuovo in questa maestosa costruzione aperta nel 1988. Ho visto ritratti dipinti su tela dei primi ministri, ho guardato video esplicativi e documenti originali chiusi in una teca. Camminato su parquet lucido che quasi quasi mi ci sarei potuta specchiare, ho visto eleganti fontane senza magia, ho percorso lunghi vuoti corridoi e salito scalinate in marmo bianco.

Una bella visita culturale prima di tuffarmi in questa vulcanica città, ci voleva.

Vi aggiorno presto, pensatemi intensamente.

Erica, anzi Atmosferica.

Ricapitolando, prima del grande passo.

Lasciamo Norseman per procedere verso la East Coast.

Sì, lo sto dicendo veramente, lo sto davvero scrivendo.

Questa è una comunicazione ufficiale.

Salutiamo l’ultimo paesino del Western Australia, con un filo di magone e un forte grazie per tutto quello che, insieme agli altri luoghi visitati, ci ha regalato. Norseman è una piccola frazione situata esattamente al bivio, è una scommessa, un nuovo inizio per chi decida di svoltare verso quella lunga strada che percorre il deserto, il niente, il nulla più assoluto per un migliaio di chilometri. È un arcobaleno, un tramonto rosa, la desolazione e il disagio.

Ve ne avevo già parlato…ricordate?

Vorrei elencare insieme a voi i segnalibri che hanno meritato e richiesto una pausa nella lettura di questo meraviglioso libro. Lasciata la città di Perth il 16 Gennaio, ci siamo diretti verso Wave Rock, nell’entroterra a est.
La meta successiva è stata l’area sud della costa occidentale dove avremmo cercato lavoro in Farm per mettere insieme il giusto gruzzolo per proseguire il viaggio. Le prime soste presso Manjimup e Margaret River, non ci hanno offerto nessuna possibilità di lavoro visto che le stagioni della raccolta non erano ancora iniziate. Una forte perturbazione ha fatto ombra per una decina di giorni, periodo in cui non abbiamo sottovalutato l’idea di esplorare le meraviglie della zona. Dunsborough, Busselton, Augusta e Cape Leeuwin sono state le cittadelle prescelte da aggiungere al nostro itinerario, ognuna con una curiosità da offrire. Di nuovo alla ricerca di lavoro, ci siamo spostati a Pemberton dove nel giro di due giorni ci siamo trovati ad imballare Avocados e soggiornare per tre settimane in compagnia di un simpatico gruppo di Backpackers. Durante la breve, ma non per questo povera, stagione lavorativa, non sono mancate gite di intere giornate ad Hamelin Bay e a Bunbury.

Spettacolari.

Ripreso il viaggio il 17 Febbraio, abbiamo proseguito sulla costa sud del Western Australia, procedendo verso Est. Tappe d’obbligo sono state quelle di Greens Pool, Denmark, Albany ed Esperance.
Da quest’ultima, è stata nostra decisione quella di spostarci verso nord nell’entroterra abbandonando alle nostre spalle l’oceano e la sua grandezza. Ci siamo diretti così a Kalgoorlie dove una miniera d’ORO ha attirato la nostra curiosità facendoci decidere di deviare appositamente.
Ora siamo Norseman, in partenza alla volta della costa est.

So perfettamente di aver gettato nero su bianco troppi nomi senza molta creatività ma l’ho fatto per chi volesse ripercorrere velocemente il nostro viaggio, per chi stia per partire da Perth con la stessa idea e per chi si sia connesso recentemente con la mia storia.

Inserendo i nomi di questi principali luoghi toccati, potreste farvi un’idea ben chiara del tragitto percorso, individuando anche il punto in cui ci troviamo oggi, il bollino rosso di non ritorno.

Un’altra partenza ci vede protagonisti insieme ad amici inglesi e avrò modo di parlarvi di loro prossimamente, sperando di riuscire a trovare una buona connessione per comunicare. Da oggi si volta pagina e si scrive un nuovo titolo, un’esperienza di traversata ci vedrà protagonisti insieme ad emozioni nuove e inimmaginabili.

Il cosiddetto “Nullarbor” è identificato come un’area piatta e desertica, percorsa da una strada ESATTAMENTE DIRITTA per 146.6 km. Nessuna svolta, nessun cartello in un paesaggio arido e secco.

Il NULLA….RBOR

APPUNTO…

🙂

Beh ragazzi, ci sarà da ridere. Sono abbastanza su di giri e sento l’adrenalina in corpo. La sensazione è un po’ come quella del salto nel vuoto, sentirò il cuore in gola e l’infinito addosso.
Riserve di acqua, benzina, olio e liquido refrigerante sono in abbondanza.

Con un nodo alla gola ora vi saluto. Ci sentiamo domani, o almeno spero.

Erica, anzi Atmosferica.