Ora posso cantare vittoria.

Ora posso cantare vittoria.

Negli ultimi giorni varie vicissitudini, mi hanno sballottata da una parte all’altra della città vedendomi protagonista di ben tre prove di lavoro in tre posti diversi.
Un cinema!
La contentezza e la sorpresa di ricevere una telefonata da un datore di lavoro che non sai se sarà il tuo, se sarà lui, tanti fattori che giocano nella maturazione della convinzione di voler davvero quel posto, di sentirti giusta per quel tipo di mansione, con quei colleghi e nuovi compagni di avventura.

Perché è così no?
Un ambiente in cui passerai gran parte delle tue giornate, deve piacerti e farti stare bene, deve metterti a tuo agio e trasmetterti energia positiva, deve vestirti, deve far uscire il tuo carattere e la tua migliore personalità. Deve rispecchiarti. Non ho mai sopportato situazioni di tensione, competizione o stress, è giusto andare al lavoro con il sorriso e svegliarsi carichi per affrontare l’ennesima giornata al servizio degli altri.

Ti avevo parlato di quel posticino che è proprio una “chicca”.
Beh, dopo una prova di tre ore, il gestore mi aveva detto che sarei stata confermata per tre giorni a settimana. Al momento avevo accettato, ero arrivata da pochissimo e non avevo altre alternative.
Ora, dopo una settimana movimentata e decisiva, in cui le vacanze di Pasqua hanno messo in pausa anche quell’attività, mi trovo a dover dire “No” al piccolo bar gestito dai due giovani ragazzi italiani.

Il destino e tutto ciò che accade sempre per un motivo, mi hanno fatto incontrare Antonio. Ricordi? Lui mi ha indirizzato in un paio di zone della città dove avrei potuto sentirmi a mio agio in ristoranti dal profilo semplice e non troppo sofisticato come quelli di Darling Harbour o Elisabeth Quay. È proprio da quelle parti che la Pizzeria Via Napoli, ha attirato la mia attenzione. Una prova di un paio d’ore anche lì, è andata bene. Colleghi connazionali, un solo ragazzo inglese e per il resto un ambiente molto veloce, dinamico, pieno di gente, italiano fino al midollo e molto solare. Mi piaceva ma non abbastanza.

L’idea di lavorare in un ristorante italiano, iniziava a pesarmi ancora prima di vederla realizzata pienamente. Il mio sesto senso quel giorno mi aveva fatto entrare lì perché avevo bisogno di calore, dialetto meridionale e aria di casa. Dopo la prova, sono tornata ad aver bisogno di sfida, situazioni straniere, stimolanti e meno coccolose.

È così che Antonio, sempre lui, mi dice che al bar dove lavora una sua amica, stanno cercando personale. Questa sarebbe stata la soluzione ideale. Lavorare la mattina presto, per le colazioni, tra irlandesi, cileni, colombiani, tedeschi e australiani, dietro a un banco e non correndo tra tavoli e pizze troppo calde.
La prova al Table Sixty, è stata quella decisiva.
Si trova dietro a casa mia in Carrington Street, tre minuti a piedi, il bar fa parte di un elegante ristorante che occupa il piano terra di un edificio centrale. Lì fuori tante sono le fermate dei bus ed è per tanti un punto di passaggio prima di entrare in ufficio.

Finalmente non ho più pensieri preoccupati, da domani lavorerò dal lunedì al venerdì, il locale è chiuso nel weekend.
Ogni giorno mi sono chiesta tempo, il lavoro che cercavo sarebbe arrivato e anche se si tratta di un breve periodo, lo meritavo.

Io sono la ragazza dei toast e sto tirando un enorme sospiro di sollievo.
Questo era il cielo alle sette meno un quarto, stamattina, appena uscita di casa. Un raggio di luce, un alberello autunnale e tanta, tanta, voglia di lavorare.

Erica, anzi Atmosferica.

4 pensieri su “Ora posso cantare vittoria.”

  1. Mi raccomando, il toast non deve mai essere troppo secco altrimenti ti si pianta in gola. Mettici un pò del tuo sorriso e sarà squisito.
    Ciao amore , buon lavoro.

  2. Un altra identità da aggiungere alle altre: la ragazza dei toast!
    Saprai sicuramente che toast in inglese vuol dire anche brindisi…effervescente come te.
    Un bacione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *