Le Sue Sorelle.

Blue Mountains, una valle di foreste coccolata da montagne che chissà per quale motivo rimandano al colore del mare. Blu. Oggi era una giornata nebbiosa, ma strana. Da apprezzare. Una luce bianca oltrepassava le nubi basse creando giochi di magia e nascondendo le grandi masse rocciose che non sembravano nemmeno tanto blu. Non sembravano proprio.

La gita del sabato con Pauline, la mia coinquilina francese. Nonostante la natura volesse giocare a nascondino, strani versi di animali che parevano grilli rimbombavano nella valle facendosi sempre più forti mano a mano che scendevamo la scalinata dei novecento gradini.

Prima di questo, però, le “Three Sisters” hanno preso la scena dal punto di osservazione più alto. Eccole le tre rocce che stavano giusto giusto poco più avanti della nebbia, come a dire “Ehi, non ci copri!”. Inutile dirti che anche in questo caso la mia mente ha richiamato le Tre Sorelle. Le mie. Le amo.

Illuminate e maestose, di diversa grandezza ma stesso spessore. Chiare e importanti, osservate con stupore e apprezzate, preservate. Le guardavo e pensavo a loro, in quel momento nel mondo dei sogni. Nei miei.
I primi 400 metri tra rocce e bosco autunnale, ci hanno portate al ponte che porta nella pancia di una di esse, quella meno sporgente.
Da lì vedevo ancor più intensi i raggi del sole, netti e taglienti. Come le rocce.

image

E poi…tutta discesa, centinaia di gradini artificiali e di roccia, perfettamente rettangolari e di forme assurde, scomodi, stretti e pericolosi. Scivolosi. Le gambe tese e in alcuni punti tremolanti, gente che scendeva e gente che saliva guardandoci con la faccia di chi vuole sapere “Quanto manca all’arrivo?”.
Mi godevo la pace, chiacchieravo in inglese con Pauline. Parlavamo del più e del meno fino al raggiungimento del fondo, della radice. Una panchina ci ha ospitato per il pranzo, un pic-nic delizioso, silenzioso ma pieno di rumori naturali.

Ad un certo punto mi sono anche rivista in una delle passeggiate in montagna di quando ero più piccola, nelle “Three Sisters” ho rivisto i Tre Corni Di Canzo e se sei delle mie parti, puoi capire bene fin dove ho viaggiato. Lontano, molto lontano.

image

Il clima era quello del vero autunno, umida freschezza all’ombra e piacevole coccola al sole. Foglie gialle e rosse, cadute e secche. D’altronde è maggio.

Dal fondo della valle, un rosso treno terribilmente in pendenza ci ha riportato alla cima in tre minuti. Un soffio. Un attimo.
Pazzesco vedere come una camminata di ore può perdere il suo tempo e la sua fatica in un battito di ciglia.
Polmoni pieni di ossigeno, stanchezza da fame e voglia di un thè caldo, soddisfazione e connessione con la natura. Energia e vibrazioni, suoni e animali solo nascosti. Dalla nebbia.

È vero, mi sono lamentata della nebbia ma tutto sommato non lo meritava, era comunque casa sua quella.
Era la Sua Valle, le Sue Blu Montagne, il Suo Umido Bosco e le Sue Tre Sorelle.

Io ero solo l’ospite, la Quarta Sorella.

Erica, anzi Atmosferica.

Condividere è vivere.

Sono giornate piene di sorprese e ringrazio ancora una volta la vita perché mi sta offrendo quel che desidero.

Chiedi e ti sarà dato, anche oggi concordo. Anche oggi ci credo.

Cara Mammina, mi devi scusare se sono stata sfuggente nelle ultime ore ma incontri interessanti e dell’ultimo minuto mi hanno catturata. Ho parlato e ho avuto la possibilità di testare la mia crescita, mi sono confrontata e ho sentito di essere cambiata. Ho ascoltato e non sai come mi piace prestare attenzione nell’apprezzare chi ha da dirmi qualcosa. È solo condividendo emozioni e racconti che posso arrivare a qualche conclusione concreta, ad un’affermazione per me stessa. Su me stessa. A capire cosa si è mosso e smosso, a seguire la mia trasformazione. Mammina com’è difficile.

Avevo bisogno di passare del tempo con Elena, un’amica conosciuta a Perth durante i primi due mesi in Australia, incontrata di nuovo a Pemberton durante il lavoro in Farm e poi ancora qui, a Sydney. Pur seguendo strade diverse, abbiamo scelto le stesse tappe e gli stessi punti di sosta. Pazzesco non trovi? Qui stiamo conducendo vite diverse e separate, amici non in comune ma qualcosa di simile tra noi c’è. Dovresti vederla quando ride!
È leggera, aperta!
È così che ogni tanto passiamo qualche oretta insieme per raccontarcela, ci rilassiamo e respiriamo un po’ di aria di casa e di mare.
Lei è di Trento e non sai quanta gioia mi trasmette. Mi piace perché riconosce bellezza nelle piccole cose, in un prato verde, nel sole, in un cappuccino o in un gelato. È deliziosa come un biscotto al cioccolato. Ogni tanto si guarda attorno e si emoziona.
Quando riusciamo a conciliare i nostri orari lavorativi, ci sdraiamo al parco o in spiaggia e condividiamo tempo e vento, freddo e caldo.

Oggi invece, ho rinunciato volentieri al mio appuntamento fisso con lo Yoga per incontrare Nicolò. Sì Mammina, proprio lui!
Una conoscenza mai approfondita in Italia, nonostante vivessimo nella stessa realtà, oggi si è inevitabilmente fatta spazio tra i palazzi e la baia di Darling Harbour per farci incontrare. Dalla Brianza a Sydney, da così lontano a così vicino. Un appuntamento era obbligatorio.
Per forza!
Mammina mi sono sentita assai strana quando ho iniziato a parlare con lui. In un momento mi sono resa conto che era il primo volto “amico” che vedevo da quando sono partita. Gliel’ho anche detto e credo mi abbia capita perfettamente.
Lui è in Australia da due mesi ma penso che stava provando la stessa strana sensazione.

Ho visto in lui una persona già vista e semi-conosciuta in Italia e mi sono sentita diversa. Credo che qui, ho imparato ad andare oltre. Ci sono stati tanti ostacoli e forzate barriere nella realtà vissuta fino a prima della mia partenza, dove entrare in contatto con certe persone era o è quasi impossibile perché appartenenti a “gruppi”, “compagnie” diversi.
Una vera merda oserei dire.
Deve finire questa storia.
È limitante.
Abbiamo passato un paio di ore piacevoli e ci siamo fatti qualche risata fantasticando sul nostro futuro in Italia. Un grande dilemma che affronteremo con potente e pronta energia. Siamo carichi.

Grazie Nicolò, ci vediamo nei prossimi giorni! È stato piacevole  scoprire simpatia e timidezza, semplicità e racconti divertenti dietro a quegli occhiali specchiati come le vetrate di questi mille palazzi che chissà cosa nascondono.

In ultimo, cara Mammina, ti voglio raccontare di Marion. Lei è francese e lavora con me da una decina di giorni. Mi rendo conto di come l’inglese fluisce senza paranoie e senza blocchi con lei. Sono sciolta. Bella connessione. Ci correggiamo a vicenda se incappiamo in errori banali o madornali e mi piace anche esibirmi con qualche frase in francese. Le sparo all’improvviso, mi vengono talmente bene che lei ci rimane male ogni volta! Ride!
Dice che ho una buona pronuncia. Lei vive a Lyon e la sua passione sono i cavalli. È qui da soli due mesi e ne ha passate di belle.
Dovresti sentire i suoi racconti!
Mi ha anche confessato di essere arrivata a Sydney con soli 200 dollari e che ha vissuto giorni di panico alla ricerca disperata di un lavoro.
Ora è tutto risolto ma l’Australia senza una lira, deve essere tosta.
Lontananza, mancanza, inglese, le ore di fuso, solitudine e zero soldi.
Il delirio!

Beh Mammina. Condivisioni importanti, che ne dici? Mi sento viva e super energica. Sono sempre più consapevole di aver bisogno di semplicità e che a casa ne ho tanta che mi aspetta. Sono sempre felice di scriverti e scusami se ultimamente ti sto facendo sentire la mia mancanza ma quando ti parlo, devo e voglio ricercare la dovuta calma che meriti.

Ti amo!

Erica, anzi Il Tuo Granellino.

Il blocco dello scrittore.

Oggi sono totalmente bloccata.

La mia mente ripensa ad un simpatico aneddoto, accaduto circa un mese fa quando ancora lavoravo in Farm a Pemberton.

Matteo in uno dei nostri discorsi, ricordo che mi parlò di quanto fosse stupito dal fatto che io avessi qualcosa da dire ogni giorno. Questa sua riflessione, lo portò a rivolgermi una domanda:

“Ma se un giorno ti capiterà di avere il “blocco dello scrittore” che farai? Di che parlerai? Non scriverai?”

In maniera disinvolta e simpatica risposi:

“Beh, parlerò del “blocco dello scrittore” e cercherò di capire cosa mi lascia senza parole…”

🙂

Credo sia arrivato il giorno.

Non che non abbia nulla da raccontare, anzi avrei molto da dire, ma credo che i miei pensieri siano così fitti e nervosi da non farsi prendere, analizzare, selezionare. Sento un forte baccano nella mia testa, accentuato dal vento che mi sbatte in faccia entrando dal finestrino di sinistra.

Potrei provare insieme a voi, a capire il motivo di questo intasamento. Voglio provare a gettare l’amo e, se un po’ di fortuna mi assisterà, pescherò i pesci più grossi e sostanziosi… In questo mare agitato che non si dà pace. Mi sono resa conto di questa difficoltà quando, dopo aver scritto qualche riga, cancellavo e riscrivevo. Cancellavo e riscrivevo di nuovo. E poi ancora…

Vorrei parlare a voi Donne che mi leggete, vorrei scrivere del nostro viaggio che da Adelaide sta proseguendo verso sud e vorrei, attraverso la scrittura, spegnere questa forte insofferenza che mi chiede insistentemente un letto, una stanza, un armadio.

Procedendo con ordine, vorrei dire a tutte voi Donne che siete una potenza incredibile. Non dimenticate mai, e dico mai, quanto siete speciali per voi stesse, per le altre Donne e per gli Uomini della vostra vita. Se non ci fosse questa forte forza che mi tira verso il basso, oggi, riuscirei a trasmettervi più energia e motivazione ma vi chiedo di cogliere questa mia vicinanza espressa in poche righe e senza troppi giri di parole.

Tanti auguri a tutte voi e se per caso oggi non riceverete gialle mimose, fregatevene perché non sono dei banali fiori a determinare il vostro grado di importanza nel mondo e nella vita. Voi siete vita. Voi date la vita.

I fiori colorano una stanza di profumo, voi rendete il mondo migliore.

Vi dedico il tramonto di Adelaide, con i suoi colori e la sua atmosfera. Condivido con voi questa palla infuocata che illuminava i miei vestiti e l’acqua del mare, diffondendo una luce dorata nel buio della sera.

Il secondo argomento da affrontare è il nostro viaggio. Stiamo scendendo verso la città di Melbourne ma prima di toccare la meta, faremo delle soste lungo la strada. Ovviamente. Potete geolocalizzarci a Mount Gambier, a sud di Adelaide di circa 400 chilometri. Nonostante sia iniziata da qualche giorno la stagione autunnale, qui il caldo non si è ancora placato e finché lì da voi non smette di nevicare, penso che per la storia dei contrari, qui continuerà a persistere un caldo direttamente proporzionale al vostro freddo.

Il terzo argomento è quello della sofferente insofferenza che mi colpisce sempre senza preavviso. Sto ascoltando il mio corpo e i miei bisogni, sto parlando tanto nel mio silenzio e sto andando a fondo di parecchie questioni. Mi sto analizzando. Ormai è dal 28 Dicembre che vivo una vita nomade, dormendo in un Van Mitsubishi, caro e insostituibile Vando. Gli sarò per sempre grata dei meravigliosi posti che mi ha fatto vedere sfidando temperature ardenti e tempeste impetuose, ma il mio fisico inizia a cedere. Ultimamente sento il bisogno di sprofondare in un letto, di ripiegare ordinatamente i miei vestiti in un armadio e di avere un bagno tutto mio, senza doverlo condividere con le signorotte che sto incontrando nei campeggi di tutta Australia. Credo di aver bisogno di stabilità e di spazi solo miei dove potermi ritrovare e riordinare, rilassare e ascoltare. Dall’altro lato però, questo mio bisogno deve essere placato ancora per qualche giorno. Devo fare pace con corpo, anima e cervello perché non è ancora il momento…

Non posso fermarmi, non ora.

Erica, anzi Atmosferica.

Vivere il Presente.

La vera importanza del “Vivere il Presente” spesso sfugge divagando in pensieri appartenenti al passato o a situazioni mai vissute proiettate nel futuro e per questo idealizzate.

Un argomento difficile che richiede molta attenzione a chi, seguendo lo scorrere dei pensieri passivamente, non si sia mai chiesto dove sia giusto direzionarli per ottenere un umore più stabile e il benessere fisico.

Sapete, amici, è uno di quei giorni in cui seguo la testa viaggiare, ricordi poco piacevoli riaffiorano e l’immaginazione va a creare scene di un ipotetico futuro in cui mi vedo crescere e diventare Donna. Un senso di inevitabile impotenza mi fa sentire piccola trascinandomi in luoghi mai visti, spazi troppo grandi e in cima a grattacieli altissimi.

Un giorno di riposo e subito, appena mi sdraio, sento la mente rilassarsi e poi agitarsi, distendersi e poi accartocciarsi, cercando molti appigli con cui meglio potrebbe camminare, inventare, rielaborare e desiderare, proiettare e fuggire, sognare. Vorrei fermarla e chiederle una pausa, vorrei dirle di non correre troppo lontano perché ora non posso seguirla e devo stare qui, nel mio piccolo Presente Attimo.

Mi trovo in Australia, lontana da quello che, secondo la mia opinione, è il mondo reale fatto di sofferenza, fatica emotiva, delusione, gioia, obiettivi e motivazione, determinazione, tenacia, battaglia, guerra. Sono qui anche per cercare dentro di me quell’importante frazione di secondo, che si chiama Presente, dove è possibile trovare la pace e una chiara idea di chi sono e chi voglio essere, senza farmi travolgere dal senso di sofferenza legato a momenti vissuti nel passato e dal senso di ansia che proietta immagini nel mio futuro.

Sono queste le due sensazioni e stati emotivi che, a mio parere, ognuno dovrebbe combattere esercitandosi nel vivere a pieno il Presente, unico e irripetibile. Ci perdiamo facilmente, non è vero? Dando per scontato quel cielo che sta sopra la nostra testa, lo immaginiamo di un colore quando invece è di un altro. Guardando una foresta, la interpretiamo come un ammasso di alberi ma mai come un’altruista creazione che unisce e tiene insieme.
Scivolando tra le acque di un fiume, ci sentiamo freschi e bagnati senza pensare alla lunga strada percorsa sognando un giorno, di tuffarsi nel mare.
Ascoltando una canzone, cerchiamo di imparare suoni e parole, non pensando all’arte di quel musicista o compositore.

Non andiamo mai oltre in ciò che viviamo. Non vediamo null’altro se non quel che guardiamo. Non sentiamo null’altro se non quel che ascoltiamo. Non riflettiamo su ciò che si nasconde sotto un inaspettato Ti Amo.

Siamo paralizzati nei pensieri passati, nelle finte proiezioni future senza provare nemmeno per un attimo a scavare nella terra sotto ai nostri piedi,

ora,

adesso.

Mi viene in mente quindi un esercizio che mi ha sempre consigliato il mio Papà. Concentrarsi nel respiro e nelle sensazioni che questo provoca al nostro corpo, ascoltarlo e seguirlo, è la tecnica migliore per concentrarsi sul Presente. Solo quando riuscite a liberare del tutto la mente, vi sentirete più leggeri vedendo con occhi nuovi la realtà che vi circonda. Inspirate con il naso come se i vostri polmoni siano una brocca d’acqua. Riempitela partendo dal fondo e arrivate fino all’orlo. Proprio quando sta per strabordare, è il momento di farla uscire, piano piano, fino a svuotare.
Vi assicuro che funziona, io lo faccio sempre anche solo per un minuto al giorno e la sensazione che dona è appagante, garantita.

Non sono una professionista, non sono qui per insegnare ma per condividere con voi ciò che mi rende meno pesante quando la testa condiziona il benessere. Non sono una maestra ma una studentessa, sono chiamata alla lavagna perché interrogata dalla Vita.

Non aspiro a grandi voti, voglio risolvere solo questa difficile equazione che deve dare un risultato di uguaglianza e nulla di più, lo faccio con voi perché l’unione fa la forza.

Con emozione, vi trascrivo di seguito le parole scritte da Elisabeth Gilbert, nel libro che come sapete mi accompagna nel mio Presente.

Erica, anzi Atmosferica.


“Quando chiedo alla mia mente di restare immobile, è incredibile come diventi subito 1) annoiata, 2) irritata, 3) depressa, 4) ansiosa o 5) tutte e quattro le cose insieme.
Come la maggior parte degli umanoidi, sono oppressa da quella che i buddhisti chiamano <<scimmia mentale>> – i pensieri che dondolano da un ramo all’altro, fermandosi solo per grattarsi, sputare e ululare. Dal lontano passato al futuro imperscrutabile, la mia mente oscilla senza sosta, soffermandosi su decine e decine di idee al minuto, indisciplinata e fuori controllo. Di per sé non sarebbe grave, il problema è la tensione emotiva che si accompagna al pensare. I pensieri felici mi rendono felice, ma – oplà! – ecco che con un salto vado a finire in un pensiero angosciante, che mi rovina il buon umore; oppure è il ricordo di un momento di rabbia che mi irrita, così mi scaldo e mi saltano i nervi, o ancora la mia mente decide che è il momento giusto per commiserarsi, ed ecco puntualissimo il senso di solitudine. Dopotutto, tu sei quello che pensi. Le tue emozioni sono schiave dei tuoi pensieri, e tu sei schiavo delle tue emozioni.
L’altro problema di questo continuo dondolarsi sulle liane della mente è che tu non sei mai dove sei. Stai sempre scavando nel passato, o indagando nel futuro, ma raramente sei fermo nell’attimo presente.”

“Mangia, prega, ama” – Elisabeth Gilbert

Le gabbiane.

Nel corso del viaggio, mi capita molto spesso di pensare a determinate persone proiettandole su particolari sfondi. Nel momento in cui vedo un paesaggio, una foglia, un pappagallo o una strada infinita, penso a quella persona, solo a lei.

Ed è proprio guardando il mare, quel giorno e in quel momento, che quelle quattro gabbiane hanno spiccato il volo inseguendo la loro mamma.

Che siano quattro femmine e che quella sia la loro creatrice, è solo una mia idea. In quel volo mi sono rivista insieme alle mie sorelle, alle mie tre anime del cuore.

Voglio parlarvi di loro, non l’ho mai fatto e credo sia il momento giusto.

Un particolare momento per le tre donne della mia vita, insieme alla mia mamma.

Con un piccolo incipit voglio dirvi che i nostri nomi iniziano tutti con la lettera “E”. Una particolare caratteristica, per una speciale famiglia.

Mamma Eleonora e Papà Elio, nel 1988 diedero alla luce la loro prima bambina.

Elisa.

Lei è la mia sorella maggiore, uno scorpione. Nel tempo il nostro rapporto si è continuamente evoluto e modificato arrivando ad assumere oggi, un aspetto magico e quasi inspiegabile. Ricordo che quando eravamo piccole, era un continuo litigio per qualsiasi cosa. Io volevo a tutti i costi sentirmi la più potente nonostante fossi tre anni più piccola. Oggi invece, riconosco la sua grandezza e il suo ricco animo pieno di bontà. Lei ha la passione del trucco e il suo sogno sarebbe quello di diventare make-up artist. La vedo determinata e convinta nel perseguire il suo obiettivo, concentrata e piena di entusiasmo nel frequentare una prestigiosa Accademia. Ha una dote innata in grado di stravolgere un volto, illuminare due occhi o valorizzare un sorriso.

Tu le chiedi, e lei ti darà.

Elisa, la vedo già. Si diletterà con attori e artisti e presto, le porte del successo si spalancheranno a lei permettendole di raccogliere ogni frutto seminato.

Mamma Eleonora e Papà Elio, nel 1991 diedero alla luce la loro seconda bambina.

Erica.

Vi dico solo che porta il nome di un fiore e le piace scrivere, viaggiare ed emozionare.

Mamma Eleonora e Papà Elio, nel 1999 diedero alla luce la loro terza bambina.

Elena.

Un concentrato di energia e un frullato di proprietà sbalorditive. Con lei ho un rapporto meraviglioso. Ricordo ancora che quando era più piccola, imitava in tutto e per tutto i miei atteggiamenti e le mie movenze, il modo di vestire e di parlare. Molto presto e troppo in fretta, è diventata una signorina ed ora, sta a me realizzare che è diventata grande. La terza liceo per lei è una passeggiata, la pagella è ottima e non posso fare altro che dirle BRAVA AMORE! Mi rivedo in lei come forse lei si rivede in me. Ha i capelli castani come gli occhi ma vi giuro che la somiglianza è netta. Il modo di ridere e le smorfie da cartone animato sono uno spettacolo. Mi rivedo tanto.

Non posso rivedermi, però, nel suo grande talento. Lei balla. Il classico penso sia lo stile che preferisce, ma in ogni caso, dovreste vedere che meraviglia.

Elena, la vedo già. Si esibirà in eleganti spettacoli meritando interminabili applausi.

Mamma Eleonora e Papà Elio, nel 2000 diedero alla luce la loro quarta bambina.

Eliana.

Il suo nome è stato una ricerca. Una riflessione. L’ultima arrivata doveva rientrare nell’insieme “E” a tutti gli effetti ma le opzioni erano tante.

Emma? Ester? Elisabeth? Eliana?

Non avremmo potuto sceglierne uno migliore. Credo che il suo nome, rispecchi esattamente quello che è lei. Eliana è dolce, pacifica e delicata. Con lei ho un rapporto molto intimo. Nessuno può captare i nostri segnali, ci parliamo senza parlare e solo con un suo avvicinamento, mi chiede amore. Lei ha i capelli lunghissimi, direi chilometrici e due occhi abbaglianti. Un viso pulito, un sorriso felice e uno sguardo luminoso.

Eliana è la luce.

Vi starete chiedendo quale sia il suo talento. Beh, lei canta. Con la sua voce crea melodie armoniose e non le serve molto per imparare una canzone. Per fortuna posso conservare video e registrazioni che mi tengono compagnia ogni volta che la malinconia mi bussa alla porta. La ascolto e la sento vicina, è in grado di farmi emozionare anche da lontano.

Esatto, quando canta lei, pelle d’oca e per quel che mi riguarda, una lacrimuccia ogni tanto scende.

Eliana, la vedo già. Canterà al mondo intero il suo amore per la musica e il suo nome, risuonerà per le strade anche quando fuori piove.

Erica, anzi Atmosferica.

Van o Jeep?

This is the question.

È stata la domanda che ci siamo posti ieri pomeriggio dopo aver incontrato un ragazzo italiano che sta vendendo il suo Pajero Wagon gpl 4×4.

Il fatto di poter provare una Jeep, sportiva, enorme, con le ruote giganti, 4×4, ci gasava parecchio. Ci immaginavamo già percorrendo strade infinite, a bordo di quel trattore.

Non ci siamo lasciati ingannare dall’euforia, sembravamo tre carabinieri. Eravamo in un parcheggio, davanti a King’s Park, una zona ariosa libera dal traffico dove poter provare il mezzo. Eravamo super pignoli, ogni esclamazione del ragazzo veniva esaminata, c’era tra noi uno scambio di sguardi pazzesco, volevamo documenti originali, delle prove che testimoniassero che quella macchina fosse stata realmente comprata da lui e quando. Diceva di averla revisionata da poco ma non aveva la ricevuta del meccanico.

Benissimo.

Abbiamo deciso così, insieme al ragazzo, di fare un giretto dal nostro meccanico di fiducia o meglio, dal meccanico di fiducia di Mattia e Francesca, conosciuto nei loro innumerevoli giri alla ricerca della compagna di viaggio numero QUATTRO.

Il meccanico ha controllato la macchina.

La riposta è stata che era una carriola 🙂 .

Il vecchio Pajero era più di là che di qua, te credo che costava solo 2800 dollari (trattabili).

IL PAJERO È STATO ELIMINATO.

L’idea della Jeep sta scemando sempre più. Vogliamo più spazio, il materasso sta diventando una priorità e lo spazio per rilassarci nel momento del bisogno è una nostra esigenza. Preferiamo comprare un mezzo più costoso, con meno anni e meno chilometri, e partire sicuri e senza pensieri!

Oggi è il turno del Van. È del 2001 e ci verrebbe consegnato direttamente dal meccanico dopo un controllo accurato e un refill di tutto ciò che potrebbe mancare. Il prezzo qui si alza notevolmente, siamo sui 5000 dollari ma si tratta di un mezzo giovane, revisionato da un meccanico e più facile da vendere alla fine della nostra PICCOLA E BREVE GITARELLA.

Ci stiamo informando anche per quel che riguarda la trattativa dell’acquisto vero e proprio. L’Ingegnere e la Contabile ci tengono ad avere in pugno la situazione. Assicurazione, chiamata “REGO”, ultima revisione e documenti per il passaggio di proprietà della macchina saranno sicuramente questioni importanti tra oggi e domani.

Vi saprò dire che ne sarà del Van che vedremo nel pomeriggio. Io già mi ci vedo, loro secondo me pure.

Musichetta e vento tra i capelli.

CAN’T WAIT!! La sentite un po’ di adrenalina??

Erica, anzi Atmosferica

Domenica densa di novità!

Una domenica scoppiettante!

Ammetto di essere un pelo di fretta perché oggi pomeriggio andrò all’Ikea con il mitico Jason! Ne approfitto per comprare qualcosa per la mia stanza, una tovaglietta per la colazione, una pentola e magari una bella tazza per le mie mille tisane, thè e infusi, un cuscino, le lenzuola e infine uno scopettone per il gabinetto NUOVO! NE VOGLIO UNO NUOVO!

(Non bevo più caffè! Questo posto mi sta depurando! Solo uno/due cappuccini la settimana!)

Bene, dicevo… Sono le 12:56 e credo che tra una decina di minuti dovrò essere pronta. Jason è un orologio svizzero! Non si può sgarrare di mezzo minuto!

Volevo solo condividere con voi un’altra novità!! Sono andata con lui a fare colazione da Brika, il ristorante greco di Northbridge, dove sono andata a cena la settimana scorsa.

Ricordate?

È stato più che altro un brunch (un pranzo/colazione). Lui ha bevuto thè inglese e come primo piatto ha mangiato uova, salsiccia, pomodoro e feta! Io ho gustato un cappuccino e uno yogurt greco con miele, frutta e cereali (vedi foto). Davvero delizioso, gustoso… Mmmm… Dovreste assaggiare! Ingredienti molto freschi e selezionati, distinguono questo posto da tanti altri.

La novità è che….

…mi chiameranno nei prossimi giorni per una prova. Stanno cercando personale perché da pochi giorni sono aperti anche per colazione e pranzo, insomma… devono ampliare lo staff. Farò la cameriera, più precisamente la runner ovvero colei che porta i piatti.

Un secondo lavoretto per arrotondare non fa mai male! Vediamo come andrà!

Non vedo l’ora! È davvero un locale particolare e raffinato. Anche la location è curata nei dettagli come la veranda esterna ricoperta da fiori!

Il manager è stato molto gentile, un ragazzo giovane e solare. Danny! Gli ho detto che ho già un altro lavoro e mi ha detto che appena saprò gli orari che farò, faremo in modo di incastrare i turni.

Le porte della vita si stanno aprendo a me. Sento energia positiva che trasuda dalla mia pelle e vi sento tutti quanti vicini amici miei e lettori sconosciuti.

Siete ogni giorno tantissimi a leggere, sono felice di poter essere un vostro appuntamento quotidiano e di farvi vivere un pò di vita australiana!

Continuate a scrivermi anche privatamente come state facendo, è un piacere parlare con voi e avere un riscontro.

Have a nice day!

Erica, anzi Atmosferica!